In questo articolo si parla di:

Le ripetute non piacciono a nessuno, ma sono necessarie per migliorare sia dal punto di vista della resistenza, della velocità e del tono muscolare. Spesso difficili da eseguire, sia fisicamente che psicologicamente, vanno affrontate con lo spirito giusto e soprattutto, è bene utilizzare scarpe giuste. Qui entrano in scena come vere regine le Dynaflyte, uno degli ultimi modelli proposti da ASICS. Vediamole nel dettaglio.

La calzata. Le Dynaflyte accolgono il piede nel modo giusto grazie alla mesh morbida. Si allacciano bene e non costringono la calzata. Ideali per i runner con appoggio neutro, per chi ha il piede più stretto, si può (e si deve) ricorrere all’utilizzo dell’ultimo occhiello. La suola è molto morbida a contatto con il terreno. Tra le scarpe di gamma A2, con i suoi 270 gr. è la scarpa cushioning più leggera mai realizzata dall’azienda. Per questo sono adatte ad atleti di peso leggero/medio. Camminarci è un piacere, ma correrci è un’esperienza.

L’estetica. Spesso le scarpe si giudicano solo dopo averci fatto qualche corsa, tralasciando l’aspetto estetico. Ma in un mondo pieno di calzature da running performanti, dove la perfezione e la comodità sono fattori molto soggettivi, la bellezza e il design di un prodotto possono fare la differenza. La forma aerodinamica delle Dynaflyte è piacevole allo sguardo, con la tomaia sgargiante grazie a una combinazione di colori abbinati sapientemente con i motivi rigati sulla tomaia che danno dinamismo e il FlyteFoam di tre colori sulla parte esterna e bicolore sulla parte interna.

Intersuola e suola. L’essenza delle Dynaflyte è il FlyteFoam che si sviluppa lungo tutta l’intersuola, la famosa tecnologia cushioning che garantisce ammortizzazione e supporto del piede ma allo stesso tempo anche reattività dovuta alla leggerezza che aumenta l’efficienza della corsa e questa caratteristica la si percepisce nella fase di spinta della rullata a ritmo sostenuto. Qualità queste studiate alla perfezione, poiché DynaFlyte è stata disegnata e sviluppata presso l’Istitituto di Scienza dello Sport (ISS), il centro ASICS di ricerca e sviluppo a Kobe, Giappone. Grazie all’ISS, ASICS è in prima linea nella ricerca di innovazioni legate al mondo del running. L’approccio rigoroso verso lo sviluppo dei prodotti ha portato alla scoperta di questa tecnologia innovativa, il FlyteFoam appunto. La suola è in AHAR è resistente, protettiva e garantisce la trazione necessaria soprattutto sulla parte anteriore.

La sensazione di corsa. Tornando alle ripetute sopra menzionate, la leggerezza e il FlyteFoam aiutano nella fase di spinta che risulta essere buona. La struttura della scarpa porta naturalmente all’utilizzo del mesopiede e dell’avampiede (mentre l’impatto del tallone è minimo) e contemporaneamente l’ammortizzazione si fa sentire nell’assetto della rullata, nella tenuta del piede e nel ritorno di energia. Allo stesso modo, si adattano bene anche per i lunghi e per la corsa più lenta.

Intersuola / il FlyteFoam garantisce la giusta ammortizzazione

Suola / in AHAR più resistente e protettiva

Tomaia / Mesh morbido e avvolgente

Disponibili qui