Dopo aver valutato diverse opportunità nel mercato running e sport in generale, Marco Rocca – il fondatore nel 2003 della filiale italiana di Brooks e fino a metà del 2016 marketing manager italiano del brand di Seattle con cui ha collaborato per ben 13 anni – ha deciso di intraprendere una nuova avventura al fianco di Sensoria, una tech startup che si occupa di wearable tecnhology. Sarà compito di Marco Rocca ampliare la strategia di distribuzione nel mercato italiano, ricoprendo il ruolo di Country Manager Italia.

Italiana nel dna ma con passaporto americano, Sensoria opera sulla costa dell’Ovest degli Stati Uniti, più precisamente a Seattle. A fondarla nel 2011, grazie anche a una campagna di crowdfunding, fu, dopo una lunga e brillante carriera in Microsoft, il brianzolo Davide Viganò, insieme al torinese Maurizio Macagno e al salernitano Mario Esposito, incontrati entrambi proprio negli uffici della multinazionale di Redmond.

Ultima arrivata in casa Sensoria è la Smart Running Shoes (Sensoria SRS), una scarpa da corsa intelligente munita di un’innovativa componente microelettronica ricaricabile e riutilizzabile, il Sensoria Core, che raccoglie importanti dati dai sensori al suo interno ma anche da quelli di pressione collocati nella scarpa.

Sensoria SRS, disegnata in Italia e ingegnerizzata negli USA, aiuta i runner a migliorare le proprie performance grazie all’allenatore virtuale Mara che monitora le metriche della corsa e offre feedback in tempo reale mentre si corre. Sensoria SRS si connette infatti all’applicazione mobile Sensoria Run 2.0, già disponibile su iPhone, e monitora ritmo, velocità, distanza, frequenza della falcata, ascesa/discesa, tempo di contatto con il suolo, tipo di atterraggio del piede (anteriore o posteriore) e indice delle forze di impatto.

E quando sarà ora di cambiare le scarpe, basterà semplicemente staccare la componente elettronica e ricollegarla alle nuove.

Contatti: 

mrocca05@gmail.com

marco.rocca@sensoriainc.com