In questo articolo si parla di:

Consegnati presso lo store SportIT di Seregno i 1.293,81 euro ricavati durante la prima edizione della corsa natalizia.

È stato un successo quello ottenuto dalla prima edizione della X-Mas Run, andata in scena lo scorso 3 dicembre per le strade di Seregno. Un serpentone di cappellini natalizi arancioni ha colorato le strade della città brianzola, chiudendo simbolicamente la stagione della Run With Us. Oltre 350 i partecipanti alla corsa non competitiva organizzata da SportIT in collaborazione con il G.S. Avis Seregno, NaturaSì e con il patrocinio del Comune di Seregno e un unico obiettivo: quello di sostenere l’associazione Luce e Vita Onlus, attiva dal 1991 sul territorio brianzolo con lo scopo di migliorare le condizioni di vita dei malati di leucemia e, in particolare, quelli della Clinica Ematologica T.M.O. (Trapianto Midollo Osseo) dell’Ospedale San Gerardo di Monza. Un obiettivo raggiunto grazie ai 1.293,81 euro consegnati da Andrea Colzani, CEO SportIT a Barbara Elisa Focarete, componente del consiglio direttivo dell’Associazione Luce e Vita Onlus.

Andrea Colzani, CEO SportIT ha dichiarato: “Credo che, come prima edizione, questa X-Mas Run sia andata oltre ogni aspettativa. Il ringraziamento più grande lo rivolgo ai ragazzi della Run Wih Us che, quest’anno, assieme al G.S. Avis Seregno, hanno promosso diverse iniziative coinvolgendoci e rendendoci parte integrante del loro progetto. Nel 2018 la presenza di SportIT sarà ancora più importante con eventi che coinvolgeranno non solo i runner, ma tutte le persone che hanno voglia di fare sport. Ci sembrava giusto e doveroso pensare anche a chi non è fortunato come noi e, in questo, l’associazione Luce e Vita Onlus è stato un partner eccellente che ha condiviso con noi i momenti di festa della corsa, pensando a sostenere un progetto assolutamente degno di nota. Nel nostro piccolo, con questa prima edizione, abbiamo cercato di fare del nostro meglio, ma l’obiettivo è quello di poter crescere ancora per portare un po’ di speranza ai malati di leucemia.”