In questo articolo si parla di:

Fitbit ha annunciato l’acquisizione di Twine Health, la piattaforma per la salute compatibile con HIPAA. Twine Health aiuta le persone a gestire condizioni croniche come il diabete e l’ipertensione, e aiuta a migliorare lo stile di vita, con suggerimenti per perdere peso e smettere di fumare. La piattaforma Twine Health offre anche un health coaching della salute, consentendo a un singolo coach di lavorare con un gran numero di pazienti.  Questa piattaforma utilizza una combinazione di intuizioni basate sull’intelligenza artificiale per automatizzare parti del processo di coaching, per una cura più personalizzata. Studi condotti da importanti strutture tra cui il Massachusetts General Hospital e il Joslin Diabetes Center hanno scoperto che i principi fondamentali del cambiamento di comportamento alla base della tecnologia di Twine Health hanno contribuito a migliorare statisticamente sia la gestione del diabete che quella dell’ipertensione. A lungo termine, l’azienda ha intenzione di estendere i vantaggi della piattaforma Twine ai suoi oltre 25 milioni di utenti. L’acquisizione porta Fitbit nel settore sanitario e mette le basi per espandere la propria offerta ai sistemi sanitari e ai datori di lavoro auto assicurati.

Twine Health ha prodotto risultati notevoli per i pazienti con problemi di salute come diabete e ipertensione, due aree chiave per Fitbit, che riguardano circa 105 milioni di persone solo negli Stati Uniti. Se combiniamo questi risultati con la nostra esperienza decennale, che consente a milioni di consumatori di avere il controllo della loro salute e del loro benessere, crediamo di poter contribuire a costruire legami più forti tra le persone e il loro team sanitario, cambiando le abitudini più radicate che influiscono negativamente sul benessere”, ha affermato James Park, co-fondatore e CEO di Fitbit. “Insieme, possiamo aiutare gli operatori sanitari a supportare meglio i pazienti oltre le mura dell’ambiente clinico, il che può portare a migliori risultati di salute e, in definitiva, a ridurre i costi della sanità”.