In questo articolo si parla di:

Manca poco alla dodicesima edizione della Lavaredo Ultra Trail, che si disputerà dal 21 al 24 giugno. Questi quattro giorni di quella che è tra le competizioni off road più famose d’Italia, saranno caratterizzati dalla presenza di Vibram, main sponsor della gara, che con il suo truck Sole Factor, ospiterà a bordo tutti gli interessati che vorranno scoprire di più del mondo Vibram e delle sue tecnologie.

Protagonista di questa tappa sarà Vibram Megagrip dotata della nuova tecnologia Litebase, la soluzione che permette di ridurre il peso della suola, in media del 30%, senza compromettere le performance della suola stessa, combinazione di un design specifico e la scelta della mescola. Ai presenti, l’opportunità di diventare veri tester per conto di Vibram, mettendo alla prova l’efficacia della tecnologia tramite le suole Zegalite LB e Speedstar LB – che saranno applicate a calzature da trail – e fornendo feedback che aiuteranno l’azienda a realizzare prodotti sempre migliori e innovativi. Vibram Sole Factor sarà anche occasione per scoprire da vicino come si risuola una scarpa. A bordo del truck saranno infatti presenti gli esperti calzolai, che mostreranno al pubblico le sofisticate operazioni necessarie ad applicare una suola Vibram a un paio di calzature da trail running.

La gara principale, 120 km con dislivello positivo di 5.800 metri, prenderà il via venerdì 22 alle ore 23 dal centro di Cortina. Alla linea di partenza sono attesi circa 1500 atleti provenienti da tutto il mondo, tra i quali il neozelandese Scotty Hawker, l’italo-russa Yulia Baykova, la francese Audrey Bassac e l’italiano Stefano Ruzza, in rappresentanza del Trailrunning Team Vibram.

Durante la manifestazione, che chiamerà a raccolta anche gli accompagnatori e le famiglie degli atleti impegnati in gara, verrà proiettato giovedì 21 giugno alle ore 21 presso la Conchiglia in Piazza di Bona il cortometraggio Duality, ideato e prodotto da Vibram e girato dal regista ligure Alessandro Beltrame. In “Duality” quattro donne, quattro forti ultrarunner, raccontano le loro vite che si snodano tra una quotidianità fatta di famiglia e lavoro, e la corsa in montagna. Due condizioni apparentemente opposte, donna e atleta, ma che in realtà hanno bisogno l’una dell’altra per esistere.