In questo articolo si parla di:
16 Ottobre 2018

L’indotto generato da Orobie Ultra Trail ammonta a 600.000 euro, secondo una stima che tiene conto di quanto speso in trasporti, alloggi e spese varie. Il calcolo tiene anche conto delle centinaia di stranieri che sono giunti da più di trenta naziioni diverse per partecipare alla manifestazione. Quindi anche Orio al Serio ne ha beneficiato, anche se le entrate dell’aeroporto non sono incluse nel calcolo.

Non sono calcolabili con precisione anche tutti quegli aspetti positivi legati alla creazione di una comunità e alla promozione di uno sport sano e in equilibrio con la natura; tutti fattori molto preziosi anche se non direttamente monetizzabili. A fronte di tutto questo, il costo della manifestazione è di oltre 250.000 euro; un impegno sostenuto per la maggior parte dalla bergamasca Agenzia Spia Games, specializzata nell’organizzazione di eventi outdoor, ideatrice e co-organizzatrice dell’evento con l’ASD Asso Orobica.

Dall’anno scorso, un aiuto importante è arrivato dal Pool Sponsor OUT: Lovato, IVS Italia, Scame e Montello. Sono aziende che pur operando anche fuori dall’Italia hanno una forte attenzione per il territorio in cui sono nate e in cui mantengono le loro radici. Grazie anche alla collaborazione di Eolo, l’edizione 2018 si è chiusa con un sostanziale pareggio di bilancio, con l’obiettivo di continuare a crescere, sia in termini di numeri che di qualità con la ricerca di nuovi partener. Orobie Ultra-Trail ha prodotto un giro economico di cui hanno beneficiato gli esercenti della città di Bergamo, ma anche delle valli e dei paesi che le tre gare attraversano.