In questo articolo si parla di:

Venerdì 5 aprile, dieci ASICS Frontrunner (provenienti da dieci diversi paesi) partiranno di corsa da Londra e, dopo aver percorso 380 km in nove giorni, arriveranno a Parigi per disputare, domenica 14, la Marathon de Paris. Tra gli atleti che si cimenteranno nell’avventura, e che presenzieranno all’annuale International ASICS Frontrunner Global Meeting nella capitale francese, figura anche un italiano: Marco Scanziani, di Milano, che nella vita fa il restauratore di opere d’arte.

“Amo le sfide – dichiara Marco Scanziani (nella foto) – e appena mi è stata prospettata la possibilità di partecipare ad un’avventura di questo tipo ho detto subito di sì. Cerco di affrontare ogni situazione della vita con entusiasmo e passione , dando sempre il meglio di me nel lavoro come nello sport. Sono sicuro che saranno dieci giorni incredibili e resteranno un ricordo indelebile, non vedo l’ora di iniziare a correre!”

L’esperienza unirà due aspetti significativi, quello della sfida – sia fisica che mentale – e quello dell’incontro, dato dalla possibilità di conoscere runner provenienti da culture diverse. Il gruppo, estremamente eterogeneo, sarà formato da sei uomini e quattro donne e spazierà dai 26 anni dello spagnolo Eric Domingo ai 65 della russa Olga Katsapova.

A supportare il gruppo, uno staff di professionisti che comprenderà un coach, uno psicologo dello sport e un massaggiatore. Senza dimenticare la troupe di fotoreporter che pubblicheranno foto e video sui canali social di ASICS. Come la pagina Instagram, sulla quale sarà possibile interagire attraverso l’hashtag #L2P.

Gli ASICS Frontrunner protagonisti:

° Italia: Marco Scanziani, 31 anni

° UK: Pete Stables, 39 anni

° Paesi Bassi: Sven Weemaes, 41 anni

° Francia: Ivan Ferret, 28 anni

° Spagna: Eric Domingo, 26 anni

° Sudafrica: Wandisile Nongodlwana, 44 anni

° Spagna: Mari Brugger, 35 anni

° Russia: Olga Katsapova, 65 anni

° Germania: Katja Von Der Burg, 40 anni

° Svezia: Jessica Stahl Norris, 38 anni