In questo articolo si parla di:

L’appuntamento per la quinta edizione di Inferno Run è per il prossimo 5 maggio all’Idroscalo. Per entrambi i format di gara, competitivo e open, la sfida avverrà lungo un percorso di 8 km disseminato di 25 ostacoli naturali e artificiali, dai nomi danteschi, da Malebolge a Lucifero, passando per Conte Ugolino e Antenora. Non mancherà il Quarter Pipe, ostacolo simbolo di questa gara.

Inferno City è la seconda di tre tappe, dopo la Inferno Snow, tenutasi il 19 gennaio nella stazione sciistica Prato Nevoso Ski in provincia di Cuneo, e anticipa Inferno Mud che si terrà sabato 5 e domenica 6 ottobre a Figline Valdarno e chiuderà il Campionato Italiano OCR.

Per gli atleti competitivi Inferno City è tappa del Campionato Italiano OCR, qualificante agli europei e mondiali e valida per il Campionato Regionale FIOCR. Il regolamento prevede tre braccialetti da difendere: la rinuncia al superamento di un ostacolo, dopo infiniti tentativi a disposizione, porta al taglio di un braccialetto. Per la classifica la priorità viene data a chi all’arrivo ne tiene di più al polso, insieme al miglior tempo.

Sempre più numerosi sono i non competitivi che si metteranno alla prova contando sull’aiuto del proprio team. Anche i piccoli mudder dai 4 ai 12 anni potranno divertirsi con Inferno Kids, che sosterrà con il ricavato la Fondazione Onlus Niccolò Galli, per la realizzazione di progetti di solidarietà rivolti a giovani vittime di incidenti stradali e sportivi con esiti cerebromidollari avvenuti entro il compimento del trentesimo anno di età. La Fondazione nasce in ricordo del figlio prematuramente scomparso dell’ex portiere della Nazionale Italiana Giovanni Galli. Informazioni e modalità di partecipazione online sul sito www.infernorun.it

I numeri di Inferno

Cinque edizioni per Inferno, che dalla nascita nel 2014 ha portato 16 mila finisher a tagliare il traguardo. A correre obstacle runner di ogni età, dai 13 ai 71 anni, di cui 1 su 3 donna (media doppia rispetto a quella registrata tra le maratonete), individualmente o in squadra, con 2.000 team coinvolti dagli esordi. Inferno Kids ha fatto divertire ad oggi 1.000 bambini e devolvere in beneficenza oltre 15 mila euro. Una disciplina emergente quella dell’obstacle racing, conosciuta come OCR, e praticata da 45mila appassionati a livello nazionale solo nel 2018, che rappresenta una sfida con se stessi tra forza, velocità, agilità e resistenza.

infernorun.it