In questo articolo si parla di:

Lo scorso 30 giugno ha preso vita la seconda edizione del K2 Valtellina Vertical Extreme con protagonisti assoluti gli scialpinisti Michele Boscacci e Corinna Ghirardi che, oltre ad essersi aggiudicati la gara, hanno conquistato anche il nuovo record e il titolo italiano Csen di doppio chilometro verticale.

La gara è stata fin da subito dominata dal campione di skialp Boscacci. Il portacolori dell’Esercito si è portato in fuga lo svizzero del Team Salomon per poi andare a vincere con il nuovo tempo record di 1h 22’ 24”. Secondo posto per l’ottimo Steiner 1h 23’ 15”, mentre terzo si è piazzato il bergamasco del Team Crazy William Boffelli 1h 25’ 45”. Al femminile Corinna Ghirardi vince per la seconda volta e batte pure se stessa andando ad abbassare il proprio tempo 2018, con un nuovo primato di 1h 42’ 06”. Secondo posto per un’altra scialpinista, l’emergente atleta dell’Esercito Giulia Murada che ha fermato il cronometro sul tempo di 1h 44’ 57”.

Il percorso, disegnato sui sentieri del Parco delle Orobie Valtellinesi, è iniziato con una ripida ascesa con start dalla chiesa parrocchiale di Talamona a quota 272 m e arrivo alla panoramica Cima Pisello a 2272 m. La salita, sviluppata dapprima su strade e mulattiere, si è poi inerpicata su ripidi sentieri boschivi raggiungendo l’alpeggio di Madrera e la conca di Pedroria. Qui i 200 atleti sono sfilati tra due ali di folla, per poi attaccare un canalone che prevedeva un primo tratto innevato e poi un ripido zig zag ghiaioso. Gran finale sulla cresta panoramica che porta fino alla vetta.

ph.credit Maurizio Torri