ph Alberto Orlandi 

Si è tenuta a Milano nella Sala Belvedere Jannacci del Palazzo Pirelli, la conferenza scarpa della Maga Skyrace e Ultra Skymarathon.

Griffata Scott & Ortovox, è una gara tanto dura quanto spettacolare che la ISF (International Skyrunning Federation) ha scelto come prova unica di campionato europeo di specialità.

SULLE OROBIE BERGAMASCHE UNA DOMENICA DI VERO SKYRUNNING
Domenica 1 settembre, oltre alla tostissima Maga Ultraskymarathon (50km 5.000m D+) riservata a un élite di corridori di comprovata esperienza, si correrà anche la mitica Maga Skyrace (24km 1.400m D+). Quest’ultima porterà gli atleti al Rifugio Capanna 2.000 e sotto la parete dell’Arera, da dove si potranno godere una visione spettacolare sulla Val Serina e sulle quattro cime che danno il nome alla gara. Il gpm lo si toccherà a cima Grem (2.049), mentre uno dei punti più suggestivi sarà Passo di Zambla. Qui il pubblico spingerà i corridori del cielo verso l’ultima ascesa, Passo del Sappli sul monte Alben. Effettuato l’ultimo scollinamento, una funambolica picchiata verso il traguardo esalterà gli amanti delle tecniche discese.

NELLA PROVA ULTRA ATLETI DA 15 NAZIONI:
Il fascino del “mostro”, come l’hanno definito alcuni finisher 2018, ha stregato i gourmet dello Skyrunning con la “S” maiuscola. Nel cuore delle orobie bergamasche, tecnicissimi runner da oltre 15 nazioni avranno l’occasione di mettersi alla prova su un anello altamente spettacolare. Ad attenderli 50km (5000m D+) disegnati tra ripidi single track, creste aeree, passaggi su roccette e discese da soglia d’attenzione “alta”. A decretare re & regina del “vecchio continente”, un anello disegnato su sentieri di montagna con tanto di tratti attrezzati, ferrate e corde fisse. Proprio per questo, ai concorrenti è richiesto un curriculum atletico che dovranno compilare sul form di preiscrizione del sito e, se ritenuti idonei, avranno la possibilità di correre una gara che li porterà sulle cime Menna, Arera, Grem e sulle due croci dell’Alben.