In questo articolo si parla di:
6 Febbraio 2020

La chiusura sembra essere solo temporanea, ma di fatto il diffondersi del Coronavirus sta avendo un impatto significativo sulle attività del Paese.

In una nota, Nike annuncia quanto segue: “In linea con quello che stanno facendo altri player sul mercato, circa la metà dei negozi di proprietà di Nike sono stati momentaneamente chiusi, con dinamiche simili tra gli store partner. Inoltre, operiamo con orari ridotti e riscontriamo, nei negozi che restano aperti, un traffico al dettaglio inferiore alle previsioni. Nel breve termine, ci aspettiamo un impatto concreto sulle nostre attività nella Greater China. Tuttavia, la forza del marchio e lo slancio commerciale di Nike nei confronti del consumatore cinese rimangono forti, come dimostra la continua forza della nostra attività di e-commerce”

L’iniziativa segue la scia di altri colossi quali Ikea, Apple, McDonald’s e Starbucks.

“Le dinamiche  – si legge nella nota – continuano a evolvere e noi, a seconda di come si evolveranno, continueremo a dare aggiornamenti sugli impatti operativi e finanziari, nella nostra call sul bilancio del terzo trimestre (fiscale)”.