In questo articolo si parla di:
9 Marzo 2020

VF Corporation ha emesso un green bond da 500 milioni di euro, che a suo dire è la prima raccolta di fondi di questo tipo nel settore dell’abbigliamento e delle calzature. Il gruppo, che controlla numerosi brand – tra cui Timberland e The North Face -, utilizzerà il ricavato per sostenere i suoi nuovi obiettivi e progetti che si allineano con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. Il progetto di ranching rigenerativo che Timberland ha lanciato all’inizio dello scorso anno beneficerà dell’investimento. Timberland creerà una catena di approvvigionamento di pelle rintracciabile alle aziende agricole.

Il ceo di VF, Steve Rendle, ha dichiarato: “Mantenere i nostri impegni in materia di responsabilità ambientale e sociale è importante quanto rispettare i nostri impegni finanziari nei confronti degli azionisti”.

Il quadro delle obbligazioni green di VF definisce i criteri di ammissibilità al finanziamento in tre aree:

  • Prodotti e materiali sostenibili – come quelli che sostengono l’impegno di VF a reperire il 100% dei suoi primi nove materiali da fonti rigenerative, riciclabili o rinnovabili entro il 2030
  • Operazioni sostenibili e catena di fornitura – come gli impianti di energia rinnovabile e i centri di distribuzione a zero rifiuti
  • Pozzi di assorbimento del carbonio naturale – compresi i progetti di conservazione della riforestazione e gli investimenti in pratiche agricole rigenerative

“Si tratta di un passo importante per far avanzare il nostro percorso di sostenibilità e il nostro obiettivo aziendale di sostenere progetti per il miglioramento delle persone e del pianeta”, ha dichiarato Jeannie Renné-Malone, vice-presidente della sostenibilità di VF. “Elevare la nostra attenzione e i nostri investimenti in progetti circolari e di sostenibilità ci permette di raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi basati sulla scienza”.

Il produttore tessile taiwanese Far Eastern New Century (FENC) ha emesso più di 100 milioni di dollari in obbligazioni “green” all’inizio del 2018, dichiarando che i fondi raccolti sarebbero stati utilizzati per installare una seconda serie di apparecchiature per la tintura senza acqua e per lavorare sulla sua già riuscita operazione di riciclo delle bottiglie in PET.