In questo articolo si parla di:
13 Marzo 2020

Ancora assembramenti e troppa gente in giro che non rispetta i divieti.

Così i sindaci di numerose città, di propria iniziativa, firmano ordinanze per chiudere i parchi verdi recintati, e perfino spiagge e pinete.

Il Sindaco di Milano Giuseppe Sala lo ha annunciato in un video che ha pubblicato oggi su Instagram, dove giornalmente informa i propri cittadini sulla situazione e su quello che il Comune sta facendo. “È necessario farlo, ma, per ovvi motivi, non possiamo estendere il divieto anche sui parchi non recintati. Invitiamo quindi i cittadini a rispettare le regole”, ha dichiarato il Sindaco del capoluogo lombardo. Costretto a prendere questa decisione a causa della continua affluenza nei diversi parchi, come Sempione.

A Torino, invece, nei parchi sono stati affissi cartelli che segnalano il divieto di fare attività di gruppo. E le forze dell’ordine sono in campo con i controlli.

A Firenze, la polizia municipale pattuglia le aree verdi e, dotata di megafoni, segnala i divieti alle persone che continuano a frequentarle. Il comune sta utilizzando inoltre circa mille telecamere per individuare in tempo reale chi viola i divieti, e multarle.

A Bologna, il sindaco ha chiuso ben 32 parchi. E sulla riviera romagnola, a Riccione per esempio, scattano anche i controlli su spiagge e pinete.