In questo articolo si parla di:
25 Marzo 2020

Il 2020 si apre all’insegna dell’eco-sostenibilità per La Sportiva, con soluzioni, materiali e certificazioni pensate per contenere al minimo l’impatto ambientale dei propri prodotti. Alla fiera ISPO di Monaco, l’azienda ribadisce il rispetto per le tematiche ambientali con la divulgazione del nuovo bilancio di sostenibilità, che pone l’accento sulle best practices virtuose nei confronti del proprio territorio (il Trentino), della propria comunità, nel rinnovato impegno con l’organizzazione no-proft internazionale 1% For the Planet con EOCA (European Outdoor Conservation Alliance) e nel lancio di prodotti eco compatibili.

La Sportiva opera da oltre 90 anni nell’affascinante contesto ambientale della Val di Fiemme, valle che si trova ai piedi delle Dolomiti, patrimonio mondiale dell’umanità. Tale localizzazione porta da sempre con sè una responsabilità sociale e ambientale fortemente sentita all’interno dell’azienda. Vivere ed operare in una valle di montagna significa confrontarsi ogni giorno con la comunità locale e con un forte senso di appartenenza e di origine.

“Io e la mia famiglia siamo orgogliosi della crescita che stiamo vivendo, tanto da aver realizzato un importante ampliamento dell’area produttiva nella nostra valle, che rappresenta per noi una comunità più che un semplice territorio. Ridurre le emissioni di CO2 nell’impianto produttivo, garantire la certificazione di filiera grazie al sistema bluesign e mettere in campo comportamenti virtuosi come quello dell’eliminazione della plastica dai nostri uffici e dagli eventi che gestiamo direttamente, sono progetti di valore che puntano a rendere l’azienda agente di un cambiamento positivo nei confronti dell’ambiente naturale e sociale in relazione agli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Lavorando tutti assieme in una direzione sostenibile, possiamo davvero essere agenti del cambiamento e fare la differenza. Ci impegniamo a procedere in questo progetto e lo raccontiamo nel nostro bilancio di sostenibilità, consapevoli che, proprio come quando si approccia una montagna, la cima è impervia ma non irraggiungibile. Nel concetto di ‘for your mountain’ c’è anche tutto questo”, ha dichiarato il ceo e presidente Lorenzo Delladio.

Alla fine del 2018 sono stati somministrati alcuni questionari a collaboratori, clienti, fornitori e testimonial per un totale di 415 e sono state effettuate interviste ad opinion leader di territorio e di settore per incrociare le priorità di azienda e stakeholder. Da quest’analisi di materialità emerge che alcuni temi sono avvertiti come prioritari e su questi è importante operare delle scelte. Tali temi sono gli obiettivi che La Sportiva si pone per il miglioramento continuo.

Sul numero 3 di Outdoor Magazine troverete un intero servizio sul Bilancio di Sostenibilità de La Sportiva.