In questo articolo si parla di:
11 Settembre 2020

L’exhibition director Markus Hefter ha rilasciato un’intervista su ispo.com dando uno sguardo al prossimo ISPO Munich, che aprirà i battenti da domenica 31 gennaio a mercoledì 3 febbraio 2021. Nell’intervista, Hefter spiega il nuovo concetto ibrido delle possibilità di partecipazione  sia fisica che digitale.

“Espositori e visitatori che fisicamente visiteranno la fiera possono contare sul concetto globale di sicurezza e igiene della Fiera di Monaco, ideato in collaborazione con il governo dello stato bavarese”, queste le parole di Hefter.

I pilastri principali del concetto sono le abitudini che tutti abbiamo sviluppato nella vita di tutti i giorni di questo 2020: le mascherine obbligatorie, il distanziamento sociale e la registrazione obbligatoria all’accredito.

L’emergenza sanitaria che ha travolto tutto il mondo ha, senza ombra di dubbio, cambiato le nostre priorità e le condizioni in cui si dovrà lavorare. Una cosa è chiara: il desiderio di incontri e scambi personali è stato notevolmente rafforzato dal Covid. Siamo in un’epoca che è già stata definita “era digitale” e questo aspetto favorisce lo svolgimento di numerosi eventi anche attraverso lo schermo di un pc, nonostante nulla possa sostituire incontri personali e scambi in loco.

Per ISPO Munich 2021, il motto è: “la nuova ISPO Munich“.

La nuova esigenza di sport ed esperienze all’aperto sta generando nella società nuovi e più ampi target di consumatori e appassionati, una grande opportunità, non solo per il classico sport e l’industria outdoor, ma anche per tutti gli addetti al lavori. Argomenti come la mobilità individuale, mercati come l’industria sanitaria, le industrie creative e il settore assicurativo, si concentrano sempre più sugli sport e sulle attività all’aperto, diventando così attori rilevanti in questo ecosistema.

“Tale cambiamento si rifletterà anche all’ISPO di Monaco, che diviene oggi più che mai un’interfaccia per tutti coloro che si sentono a casa praticando sport”, racconta Markus Hefter.

Credit: Messe München GmbH

Un altro rinnovamento è rappresentato dalla disponibilità di stand pre-costruiti e scadenze più flessibili per offrire agli espositori e una maggiore flessibilità nella fase di pianificazione. Un nuovo orientamento per la costruzione degli stand riassume le misure strutturali più importanti, ad esempio nuove norme per la ristorazione o le aree meeting. E ci sarà un responsabile igienico in ogni stand.

Ulteriore cambiamento riguarderà le sale in loco che saranno suddivise in Lifestyle Halls e Experience Hall. Qui verranno allestiti dei palchi per gli speech in cui esperti del settore, produttori, atleti e molti altri protagonisti parleranno di sport e outdoor, cross-industry marketing, ponendo l’accento sulla digitalizzazione, la creatività e la sostenibilità. Verranno anche dati spazi appositi ai brand per le presentazioni, che potranno essere vissute dal vivo sia dal pubblico in loco che dagli spettatori a casa. Grazie a tutto questo ISPO avrà la possibilità di decollare in digitale: sarà interattivo, vario e con un concentrato di trasferimento di know-how. Questo garantisce agli espositori un’ampia portata e ai visitatori il massimo input possibile di argomenti.

“Siamo pronti per ISPO Monaco di Baviera 2021 e attendiamo con ansia molti impulsi. Non si tornerà indietro – l’ISPO di Monaco come evento ibrido continuerà ad essere il luogo di incontro più importante al mondo per l’industria sportiva e non solo”, conclude Markus Hefter.