In questo articolo si parla di:
10 Dicembre 2020

Nuovo “codice etico e operativo” emanato dal distributore esclusivo per l’Italia di Hoka One One, Artcrafts International, per quanto riguarda le sponsorizzazione di gare trail, triathlon e road running per il 2021.

Una decisione presa, in primis, per evitare che l’impatto dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19 sul lavoro degli organizzatori, possa ricadere sugli iscritti alle gare, in termini soprattutto economici.

Politiche eque e trasparenti in ambito di copertura dei rischi dovuti a cancellazioni, spostamenti e rimborsi agli iscritti delle quote d’iscrizione, sono questi dunque i requisiti che gli organizzatori dovranno tenere presente per far sì che Hoka One One – tra le più presenti come sponsor nelle competizioni nazionali – leghi in futuro il proprio brand a una gara.

C’è inoltre l’idea di evolvere l’attività di comunicazione associata all’evento: se in precedenza tutto era incentrato sul giorno della competizione, oggi l’obiettivo è quello di creare con il runner un percorso di community, scambio e interazione sulle piattaforme digitali nei mesi precedenti e successivi alla manifestazione.

Sempre più importanti, infine, diverranno le politiche concrete di sostenibilità adottate dagli organizzatori per limitare l’impatto ambientale dell’evento.

“L’emergenza Covid ha messo gli organizzatori di fronte a incognite difficilmente gestibili, occorre, però, evitare con ogni mezzo che tali problematiche possano ricadere sui runner, soprattutto sotto il profilo economico, vista la difficoltà del contesto attuale. Il movimento dei praticanti è il valore aggiunto da preservare per il futuro e occorre fare sforzi comuni per salvaguardarne l’entusiasmo garantendo un equa considerazione delle sue istanze.” queste le parole di Simone Ponziani, ceo di Artcrafts International.

Appare evidente dunque la presa di posizione dell’azienda che intenderà collaborare unicamente con le organizzazioni che riusciranno a garantire un impegno chiaro sulla copertura dei rischi dovuti a cancellazioni, spostamenti e rimborsi con politiche eque e trasparenti.

Di certo questa scelta porterà a decisioni, anche importanti, e a rinunce dolorose ma necessarie per la salvaguardia dell’integrità dei valori del brand.

“Ciò che chiederemo agli organizzatori che intendono collaborare con noi è uno sforzo ulteriore”, conclude Ponziani “e saremo al loro fianco nel garantire un supporto adeguato. Dobbiamo, però, condividere una visione più moderna e consona ai tempi che unisce digitale ed evento fisico in un percorso sinergico che offre ai runner un accesso al brand più ampio e completo rispetto all’esperienza limitata al race-day.”

Oltre a tutto ciò, Hoka One One annuncia un’altra grande novità: non verrà rinnovata la sponsorizzazione del Tor des Géants, che durava dal 2017.

“Dopo anni entusiasmanti che hanno contribuito a posizionare il brand al top nel mercato del Trail Running sentiamo il bisogno di dare priorità a progetti nuovi e di spostare il focus delle ultra-distanze verso una gara internazionale, come la Swiss Peaks, che rappresenta il futuro, a livello europeo, per questo tipo di specialità”, commenta Ponziani.