In questo articolo si parla di:
16 Dicembre 2020

Quest’anno il format del Beat Yesterday Awards, il progetto lanciato da Garmin Italia giunto alla quinta edizione, si rinnova nella forma. Ma il racconto delle storie di persone comuni, pronte ad affrontare imprese fuori dal proprio ordinario e a realizzare un sogno ambizioso, rimane sempre al centro. Gente che si mette in gioco, sacrificando tempo, energie e risorse per riuscire in qualcosa che alcuni ritengono impossibile, per raggiungere il proprio obiettivo contro ogni difficoltà e ostacolo.

Nonostante l’anno particolare che si sta per concludere, “anche le situazioni più difficili possono dare grandi motivazioni, permettendo di guardare al futuro con ancora più ambizione”, afferma Stefano Viganò, amministratore delegato di Garmin Italia. “Ed è così che in questa edizione abbiamo voluto premiare le imprese sportive ‘di domani’, selezionando sei progetti che vedranno la propria realizzazione nel 2021”. Queste scelte, dopo la candidatura di oltre 240 profili, sono frutto di un lavoro iniziato lo scorso luglio, che ha visto trionfare chi più di altri ha dimostrato di incarnare lo spirito del Beat Yesterday. Un riconoscimento che non vuole eleggere il migliore, ma elevare chi è forte della volontà di non fermarsi a ciò che si è, per scoprire chi si vuole essere veramente.

I sei protagonisti potranno contare sul supporto di Garmin in tutte le fasi di avvicinamento e preparazione alla loro sfida, grazie all’offerta di strumenti e formazione tecnica, ma soprattutto alla possibilità di potersi confrontare con grandi nomi dello sport e ricevere da loro preziosi consigli. Troviamo dunque il ct della nazionale italiana di ciclismo Davide Cassani e il triatleta Daniel Fontana, l’alpinista Simone Moro, il motociclista Alessandro Botturi e il velista Giovanni Soldini, nonché Daniele Piervincenzi che ha prestato il volto all’iniziativa.

Paolo Cazzaro e Davide Cassani

La seconda vita di Paolo è iniziata nel 2004 quando capisce che lo sport, e in particolare il ciclismo, è il miglior medicinale per poter trovare sollievo ai problemi fisici riportati a seguito di un gravissimo incidente. Dopo aver raggiunto già importanti riconoscimenti sportivi, adesso punta a un obiettivo davvero ambizioso: il record dell’ora di paraciclismo.

Erica Fre’ e Daniel Fontana

Una donna e una mamma che non si è fatta abbattere dalle sfide della vita e, dopo essersi dedicata alla sua famiglia per molto tempo, ora vuole raggiungere un traguardo esclusivamente per se stessa. Una maratona corsa in otto ore è stata il re-start di Erica, ma adesso la nuova sfida è percorrere Biella-Assisi in bici.

Alessio Alfier e Simone Moro

Alessio è appassionato di più discipline ma, a un certo punto, la sua voglia di mettersi in gioco e buttarsi in una avventura sempre nuova incontra un ostacolo imprevisto: l’asma. Dopo aver imparato a conviverci, ha deciso di affrontare una sfida multisport: percorrere sette km a nuoto, pedalare 300 km e scalare il Gran Paradiso, partendo da Genova per raggiungere Cogne.

Samuele Meucci e Daniele Piervincenzi

Fiorentino doc di 39 anni, Samuele è amante del trail running sulle lunghe distanze e ha due Tor Des Geants completati alle spalle. È innamorato della Val di Sole dove, fin da bambino, trascorre le vacanze estive e nel 2021 la passione per la montagna, la corsa a piedi e il ciclismo lo spingerà a dare vita al suo progetto sportivo, totalmente in solitaria, in ricordo dei suoi genitori.

Nicolò Pancini e Alessandro Botturi

Della provincia di Savona, Nicolò ha le idee chiare, così come ha ben in mente la rotta da seguire per “circumnavigare” il Mediterraneo, tenendosi sempre il mare alla sinistra. Insieme al padre partirà dal suo paese di origine, Cairo Montenotte, per viaggiare in sella a due splendide motociclette BMW R80G/S del 1986.

Nicola Livadoti e Giovanni Soldini

Nicola e la moglie hanno già realizzato parte del loro sogno, cambiando completamente vita nel 2016: dopo aver lasciato le loro occupazioni e aver comprato una barca di 37 anni, l’hanno restaurata per poter offrire esperienze uniche di cucina a bordo. Adesso vogliono renderla totalmente ibrida.