In questo articolo si parla di:
22 Febbraio 2021

Un nuovo nome ma la stessa passione per le riqualificazioni urbane, nuovi progetti e un sempre più grande coinvolgimento dei cittadini. Partendo da questi presupposti Retake Milano, che nel 2021 compie 15 anni di attività sul territorio, continua ad avere come unico scopo la tutela del bene comune e diventa WAU! Milano, acronimo di We Are Urban. Il nuovo nome dell’associazione di volontariato rappresenta un’ulteriore evoluzione dell’Associazione Nazionale Antigraffiti, nata nel 2006 per sensibilizzare l’amministrazione pubblica e cittadinanza a reagire al degrado delle scritte vandaliche, diventata nel 2014 Retake Milano.

Forte della continuità di alcuni progetti di successo che hanno caratterizzato l’associazione già in passato, e di nuove partnership che amplieranno la visione di una città sempre più partecipata, WAU! ha ricevuto la benedizione del sindaco di Milano Giuseppe Sala: “WAU! Milano rappresenta il meglio del fare ambrosiano. Impegno civico, capacità organizzative, spirito di solidarietà, insieme ad amore per la bellezza e voglia di lavorare anche in situazioni di emergenza. In questo ultimo anno, segnato dalla pandemia, ma anche in tempi precedenti, questa associazione, con tutti i suoi volontari e le sue volontarie, ha dato a Milano tantissimo, meritando nel 2019 l’assegnazione della Civica Benemerenza. Ora la sua attività riparte con un nuovo nome, un nuovo logo e tanti nuovi progetti per la città, che ci aiuteranno a ricostruire una Milano ancora più bella e solidale. Grazie a tutti”.

Gli hanno fatto eco le parole di Lorenzo Lipparini, assessore alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data: “La collaborazione tra il comune e WAU! Milano continua con la nuova denominazione nel solco dell’esperienza consolidata in questi anni su tanti progetti strategici: dalla cura dei quartieri e del verde all’aiuto alle persone in difficoltà, fino alla riscoperta e valorizzazione del nostro patrimonio culturale. WAU ha saputo portare la propria competenza anche nella realizzazione delle Piazze Aperte e nella diffusione dell’arte pubblica, organizzando l’iniziativa della cittadinanza attiva e diventando punto di riferimento e di contatto tra chi vuole darsi da fare e il comune, nello spirito dell’amministrazione condivisa dei beni comuni che abbiamo voluto promuovere in questo mandato”.

Non sono mancati i commenti di alcuni dei protagonisti che nel corso degli anni hanno dato vita a tanti progetti e di altri ancora che scandiranno il futuro di WAU! Milano. Come Ghe Pensi MI, “un progetto inclusivo, aperto a tutti coloro che amano Milano e che condividono lo stesso ideale: mantenere, preservare, riqualificare spazi urbani e intervenire con attività che, per quanto piccole, siano significative. Un’occasione, un’opportunità per riconoscere la dignità del fare per e con la comunità”, ha commentato il presidente della Fondazione Fragiacomo, Enzo Pesce, che supporterà anche il progetto del Noroo Milan Design Studio che ha ideato il murales, realizzato con vernici che purificano l’aria, ai giardini pubblici Bruno Munari in via Toce 9, dedicato all’opera dell’omonimo artista, designer e scrittore.

La versione green del Ghe Pensi Mi continua con Sorgenia: “Partecipiamo con grande entusiasmo alla seconda edizione del progetto, un’iniziativa che unisce attenzione all’ambiente e passione per il fitness”, ha dichiarato Andrea Casalgrandi, marketing & business development director di Sorgenia. Che ha aggiunto: “Il successo della scorsa edizione ci stimola a portare questo modello virtuoso in altre città italiane. Partiremo da Milano e poi – insieme a WAU! e alla nostra community di greeners, clienti che sposano la causa dell’attivismo ambientale – individueremo le altre cinque città in cui intervenire. Siamo convinti che questo progetto sia perfettamente coerente con i nostri valori, perché ci permette di essere promotori attivi del cambiamento sostenibile e di prenderci cura della salute ambientale del paese in cui facciamo impresa”.

L’aria come bene comune torna al centro del progetto Bosco Invisibile che, grazie a un importante supporto internazionale, potrà migliorare le condizioni di ben 50 aule: “In linea con la nostra strategia di Sostenibilità e Responsabilità Sociale, la VF Foundation sostiene organizzazioni no-profit impegnate nei confronti della sostenibilità ambientale, la conservazione, le diversità e l’equità sociale ed economica”, ha dichiarato Marianella Cervi, VF senior manager sustainability & CSR EMEA. “VF e i suoi marchi collaborano con Retake Milano da ormai cinque anni, attraverso diversi progetti di volontariato aziendale orientati alla riqualificazione urbana della città metropolitana di Milano. Oggi, per la prima volta, Retake viene scelta come una delle beneficiarie del bando della VF Foundation per la regione EMEA. Siamo veramente orgogliosi di supportare il progetto ‘Bosco Invisibile’ che si impegna a migliorare la qualità dell’aria nelle scuole della comunità milanese. Ancora una volta, siamo felici di poter contribuire al miglioramento della città, sede di VF Italia e del nostro primo multi-brand store, OREFICI11”.

Le famiglie sono i protagonisti di “In Bici Con Sofia”, un festival in bici ideato da Bike The City e Ludosofici, che ha come scopo la scoperta di Milano attraverso tutti i sensi al quale si aggiunge il senso civico. “Un percorso in bici che, in quattro tappe, condurrà alla scoperta sensoriale della città e sarà un’occasione per fare qualcosa di concreto per la nostra città”, hanno comunicato all’unisono Francesca Pannuti, general manager di Bike The City, e Ilaria Rodella, fondatrice di Ludosofici. “Rivolgendoci ai bambini dai 4 ai 10 anni e alle loro famiglie faremo un plogging, un leggero movimento fisico mirato alla raccolta di micro rifiuti”.

I volontari di WAU! Milano continuano ad aiutare le diverse associazioni, comitati di genitori e istituti scolastici che condividono la nuova visione di trasformazione degli spazi urbani, attraverso i progetti di Urbanismo Tattico. In particolare, grazie alle tante partecipazioni legate alla scuola e all’associazionismo, saranno realizzati due progetti: in Piazza Tirana, accolto con grande entusiasmo dal Municipio 6, e in via Val Lagarina, da un’idea colorata sviluppata dalla designer Serena Confalonieri.

Questa la chiosa di Andrea Amato, presidente di WAU! Milano: “Queste e molte altre attività saranno svolte dai volontari nei prossimi mesi del 2021, sempre nel pieno rispetto delle disposizioni sanitarie, per ricordarci che una città diversa dipende prima di tutto da chi la vive con responsabilità e coscienza, avendo a cuore la salute delle persone e del luogo che amiamo con azioni concrete”.