In questo articolo si parla di:

A meno di un mese dalla quarta edizione, mentre la corsa alle iscrizioni entra ufficialmente nel vivo, la Villacidro Skyrace ha annunciato La Sportiva quale nuovo main sponsor.

Questa partnership è un motivo d’immenso orgoglio per il nostro team, sia per l’intera cittadina”, afferma Margiani Team Asd, club a capo dell’evento. “L’abbiamo raggiunta attraverso la nostra filosofia progettuale (mai come quest’anno l’evento sarà a impatto zero) e speriamo rappresenti un’ulteriore spinta verso il futuro. Vogliamo far capire a tutti che la vera Sardegna è diversa da quella dei soliti cliché e che lo sport può essere anche un mezzo d’attrazione turistica”.

Il prossimo 25 aprile, la corsa verso il cielo allestita all’interno della Sardinia Skyrunning Experience sarà teatro della prima tappa della Coppa Italia di skyrunning. I 21 km saranno distribuiti su 1.920 metri di dislivello, in cui la fatica sarà alleggerita dalla bellezza del contesto naturale e dalle prelibatezze del luogo. Infatti non bisogna dimenticare che, nei rimanenti 364 giorni dell’anno solare, Villacidro resta un posto che merita di essere scoperto passo passo.

Tra i must del luogo rientrano il pregiato olio “La Nera di Villacidro”, le arance e le ciliegie della vallata, il liquore Villacidro murgia Giallo con la sua ricetta segreta custodita da decenni e l’amaro 150, prodotto dall’azienda Is Cogas. Passando tra creste, pietraie e passaggi boschivi (preservati dalle sentinelle che vi si allenano durante l’anno), si possono incontrare – tra le altre – le cascate e il gruppo montuoso del Linas, una delle terre emerse più antiche. Pietanze e luoghi da gustare con cura.

La Sportiva si inserisce in questo contesto culturale-sportivo creando, per il giorno della Liberazione, un’ideale bandiera tricolore che sventolerà dalle Dolomiti (sede del suo storico quartier generale) fino alla Sardegna.

Secondo l’albo d’oro, nell’edizione del 2019, gli ultimi a vincere furono Mattia Tanara e Stephanie Jimenez.

(Credits foto © Ettore Cavalli e Paolo Melis)