In questo articolo si parla di:

In Karpos, dopo gli arrivi (e ritorni) dei runner Daniel Jung, Daniel AntonioliPhilipp Ausserhofer, nonché del climber Silvan Schüpbach, mancava all’appello uno specialista delle vertical. Ed ecco che, con l’ingresso di Hannes Perkmann, il team del brand può dirsi completo.

Il trentino infatti è uno skyrunner a “tutto tondo”, in grado di correre ad alti livelli su qualsiasi tipo di terreno. Il nuovo sodalizio con Karpos porterà sicuramente entrambi molto in alto e offrirà al giovane nuovi stimoli per saggiare le sue qualità, ampliando ancor più il suo orizzonte di gare.

Nato e cresciuto tra le montagne della Val Sarentino (BZ), Perkmann scopre la passione per la corsa quasi per caso. Dopo un’adolescenza passata a rincorrere un pallone, a 20 anni calza per la prima volta le scarpette da corsa… e non le ha più tolte!

Vista l’innata attitudine per le gare di sola ascesa, il nome di Perkmann è indubbiamente legato a questo tipo di competizioni che, nel giro di poche stagioni, l’hanno portato a essere tra i più forti verticalisti in circolazione. A lui appartiene la migliore performance mondiale sui 500 metri di dislivello positivo, grazie al crono di 13’54” stabilito alla Valtellina-Vertical-Tube del 2018, quando fu l’unico atleta al mondo a rimanere sotto il muro dei 14 minuti.