In questo articolo si parla di:

Andrà in scena sabato 14 maggio 2022 la prima edizione del Monte Zerbion Skyrace, che offrirà agli appassionati di skyrunning due skyrace e altrettanti vertical con l’obiettivo di valorizzare il territorio di Châtillon e promuovere le eccellenze della Valle d’Aosta. Queste e altre informazioni sono state al centro della presentazione dell’evento, tenutasi nella giornata di venerdì 29 ottobre in una location suggestiva come il castello di Ussel, proprio a Châtillon.

Un debutto di respiro internazionale

Tra le notizie più importanti vi è la partnership siglata con gli organizzatori della Pierra Menta Été EDF. Nasce così il Mountain Trail Trophy (MTT), una combinata tra la gara italiana (Skyrace di 22 chilometri) e quella francese, a squadre e su tre tappe, prevista dall’1 al 3 luglio 2022. Ogni prova assegnerà un punteggio e solo i concorrenti che parteciperanno a entrambe le gare rientreranno nella speciale classifica MTT. Sono previsti premi in denaro per le prime quattro donne e i primi quattro uomini, che saranno premiati in occasione dell’evento francese.

Le distanze e i dislivelli

La gara regina del ricco programma del monte Zerbion sarà la 22 chilometri che presenta un dislivello positivo e negativo di 2.200 metri. Partenza da Châtillon, salita fino ai 2.728 metri del Monte Zerbion e ritorno a valle. Stessa formula per l’altra prova skyrace, ma su una distanza inferiore: 18 chilometri per 1.500 metri di dislivello positivo e negativo, con l’arrivo che sarà posto in zona alpeggio Francou, a quota a 2.005 metri. Abbinate alle skyrace ci saranno due prove Vertical, di sola salita. Una di 9.5 chilometri (2.200 metri dislivello positivo) con arrivo in cima al Monte Zerbion e una di 5.5 chilometri (850 metri dislivello positivo) rivolta ai giovani tra i 15 e i 17 anni e ai disabili. Già stabilita la data di apertura delle iscrizioni, fissata per mercoledì 1 dicembre sul portale di Wedosport. Sono 600 i pettorali a disposizione.

Camillo Dujany, sindaco di Châtillon, ha dichiarato: “Abbiamo accolto con entusiasmo questa proposta che servirà a far conoscere la nostra montagna e, allo stesso modo, a dare il giusto tributo alla carriera straordinaria di Bruno Brunod, atleta e inventore di questa disciplina. Una grande occasione anche per unire due nazioni, l’Italia e la Francia”. Gli hanno fatto eco le parole di Davide Sapinet, assessore regionale all’agricoltura e alle risorse naturali: “La partnership con la Pierra Menta Été è senza dubbio un bel connubio sia sotto l’aspetto sportivo, sia per esempio culinario con il Beaufort che incontra la Fontina. Daremo sicuramente il nostro contributo per mantenere in ordine tutta la sentieristica e per altre iniziative”.

Spazio anche a Carlo Brunod, vice-presidente Montagnesprit: “È bellissimo vedere nascere questo evento e realizzare un sogno. Dopo una chiacchierata in famiglia, con Dennis e con Jean, abbiamo proposto questo progetto al Comune che lo ha sposato fin da subito. È senza dubbio un grande impegno, ma quando le cose si fanno con passione, anche la fatica viene meno”. Infine Yannick Blanc, del comitato organizzatore Pierra Menta Été EDF, ha commentato: “Siamo contenti di aver stretto una collaborazione con gli amici del Monte Zerbion. La versione estiva della Pierra Menta è nata nel 2015; ci apprestiamo a organizzare la settima edizione di questa grande avventura di tre giorni che si corre a squadre”.

Le gare Monte Zerbion Skyrace e Vertical sono organizzate da Montagnesprit con il sostegno del Comune di Châtillon. In prima linea tre testimonial che tanti successi hanno regalato alla Valle d’Aosta: Bruno Brunod, Dennis Brunod e Jean Pellissier.