In questo articolo si parla di:

Come ricordato dal CEO Luca Salini durante l’intervento agli ORBDays di Riva del Garda, dove un centinaio di negozianti hanno potuto ascoltare il progetto di Crazy per i flagship store, la collaborazione con gli imprenditori locali è la chiave del successo. Sull’onda di questa profonda convinzione, il brand valtellinese continua la sua attività volta a far conoscere lo stile fast&light non solamente nel Belpaese.

Il Crazy store di Praga in Repubblica Ceca è il dodicesimo della serie e, dopo quello di Chamonix, il secondo fuori dai confini italiani. Questo progetto segue la direzione intrapresa dal brand Valtellinese di non imporre sul territorio le proprie aperture, ma di concordarle e gestirle con dealer e imprenditori locali. E questo principalmente perchè negozianti e gli imprenditori locali hanno una migliore conoscenza del territorio sul quale operano, godono di credibilità e di esperienza, e possono offrire consulenza, servizio e affinità con i clienti della loro zona geografica.

La crescita del marchio Crazy in Repubblica Ceca è stata tanto efficace quanto repentina: oggi i dealer che sul territorio offrono il marchio Crazy sono oltre 40. “Considerando che questa Nazione ha solamente 10 milioni di abitanti si tratta di un successo incredibile”, commenta Salini.

“Il progetto dei Crazy stores” – sottolinea lo store manager di Crazy Alessandro Lafranconi – “è sempre condiviso con imprenditori o meglio dealer Crazy che hanno già uno o più punti vendita dove trattano il nostro marchio. La programmazione parte con almeno 10 mesi di anticipo, gestiamo insieme al negoziante la fase progettuale, condividiamo il business plan, prepariamo le campagne di marketing, ci confrontiamo sugli acquisti cercando di condividere l’esperienza nostra con la sensibilità dell’imprenditore locale. Su queste basi si sottoscrive il progetto a 3 anni che poi si rinnova anche in futuro.”

Anche per Praga alla fase business plan è seguita quella progettuale, poi incaricati di Crazy hanno allestito con un proprio format i locali e la Visual Marisa Bazzeghini è intervenuta per l’allestimento. 

Insomma Crazy sta facendo sul serio e da quanto sappiamo ci saranno a breve altre aperture.