In questo articolo si parla di:

Lo scorso 24 ottobre è andata in scena la 35^ Confindustria Venezia Venicemarathon e con essa è partito anche Charity Program, il progetto di raccolta fondi solidale, ormai parte integrante della Maratona di Venezia e che ad oggi ha raccolto complessivamente oltre 50.000 euro.

Le 18 onlus aderenti all’iniziativa avranno comunque tempo fino alla fine del 2021 per poter raggiungere gli obiettivi di raccolta prefissati in fase iniziale, anche se ci sono associazioni che comunque sono già riuscite a raggiungere il loro target.
Come la ‘Fondazione Banca degli Occhi’, impegnata a migliorare il trapianto di cornea e fare ricerca sulle malattie rare e genetiche dell’occhio, che ha addirittura superato del 200% il suo obiettivo iniziale raccogliendo 10.024 euro;
La ‘Fondazione Salus Pueri’, che ha corso per la Nefrologia Pediatrica di Padova riuscendo a raccogliere più del previsto (7.854 euro).
‘aBRCAdabra’, l’associazione che riunisce i portatori di mutazione genetica BRCA, che ha raggiunto l’obiettivo di 5.641 euro.
Il ‘Granello di Senape’ che gestisce da anni la biblioteca della Casa Circondariale Maschile di Venezia e che ha raccolto 2.000 euro per donare nuovi libri al carcere e l’associazione ‘RacconTiamo con Francesca’ che grazie ai 1.539 euro finanzierà la partecipazione a corsi di formazione in Medicina Narrativa al personale che opera all’interno delle residenze per anziani.

Un discorso a parte merita invece il progetto del Rotary “Run to End Polio” promosso dal Distretto 2060, che ha già raccolto 16.780 euro, grazie a 224 donazioni, ma che è solo a metà del suo ambizioso percorso di raccolta, fissato a quota 30.000 euro.

Anche per la madrina della manifestazione e testimonial del Charity Program Giusy Versace, l’edizione che si è da poco conclusa è stata un forte segnale di ripartenza: “La maratona di Venezia ha ridato fiducia ed energia a tutti noi. Mi sono entusiasmata nel rivedere gli atleti correre e le associazioni no profit rimettersi di nuovo in gioco malgrado le difficoltà. Sono state tante le persone che hanno dimostrato che la pandemia non ha cancellato la loro generosità e questo mi riempie il cuore. Ringrazio il presidente di Venicemarathon Piero Rosa Salva e tutto lo staff per avermi nuovamente voluta al loro fianco, e rivolgo a loro i miei più sentiti complimenti per il lavoro svolto”.

Venicemarathon.it