In questo articolo si parla di:

Grande richiesta per i due modelli di HOKA ONE ONE che vengono riproposti in nuove colorazioni

Challenger ATR 6: tra strada e sterrato

La sesta versione di Challenger diventa ancora più versatile. Una scarpa all-terrain con prestazioni elevate in ogni condizione. La Challenger ATR 6 sfida ogni convenzione: leggera sullo sterrato, fluida su strada, grazie alla geometria dell’intersuola e alla struttura della suola. La sua caratteristica suola è strutturata “a zone” per ottimizzare aderenza e peso, e grazie ai tasselli ampi e ravvicinati, la suola esterna garantisce transizioni fluide da una superficie all’altra.

La tomaia utilizza il poliestere riciclato Repreve Unifi, una fibra sostenibile realizzata interamente con la plastica di post-consumo di qualità alimentare e senza il nocivo Bisfenolo A (BPA). L’innovativo materiale offre prestazioni avanzate in termini di assorbimento dell’umidità, elasticità, idrorepellenza e maggiore morbidezza e per questo lo rende adatto per essere impiegato in tantissimi prodotti commerciali.

TOMAIA /
in mesh di fibre di poliestere riciclato (REPREVE Unifi) e la struttura aperta per garantire il comfort della traspirazione

INTERSUOLA IN SCHIUMA CMEVA /
per un’ammortizzazione davvero ottimale. La geometria Meta-Rocker vicino alla punta offre maggiore stabilità e un distacco del piede fluido

TACCHETTI /
da 4 mm ravvicinati, assicurando trazione su ogni terreno

GOMMA A ZONE /
diversificata per ridurre il peso, assicura resistenza, e leggerezza

Zinal, per i terreni più tecnici

Una scarpa da trail leggera e reattiva, perfetta per accompagnare i runner nell’attaccare i terreni più tecnici con agilità, ma con la sicurezza della suola in Vibram Megagrip che, grazie alla costruzione Litebase, garantisce massima trazione col minimo peso.

Adatta alle distanze più corte, ma apprezzata da qualche atleta anche su quelle più lunghe, offre velocità e dinamismo in montagna. Ogni particolare è stato studiato per apportare il minor peso possibile alla struttura, ma al tempo stesso fornisce ammortizzamento. Qui nella versione femminile.

TOMAIA /
realizzata in mesh con filati riciclati, è disegnata con un linguetta anatomica con soffietto che impedisce l’ingresso di detriti

INTERSUOLA IHOKA PROFLY /
a doppia densità, con schiuma ultraleggera accoppiata a EVA gommata

SUOLA VIBRAM MEGAGRIP /
con struttura Litebase e carrarmato da 4 mm

La strategia

Per rispondere a quale esigenza è stata creata la Zinal?

“Questo modello va a coprire una parte della gamma trail che forse era quella che restava più scoperta dall’offerta di HOKA. Da quando è nato, il brand ha presidiato tutte le fasce del trail di lunga percorrenza fino alle ultra e mancava una scarpa in grado di rispondere bene sulle distanze più tecniche: le sky e le vertical. Oggi, con Zinal, possiamo finalmente dire di avere una risposta per ogni tipologia di corsa in montagna e che il settore dell’off road è presidiato con prodotti di grande innovazione che inglobano tutte le tecnologie più avanzate”. Simone Ponziani, ceo Artcrafts International. 

Feedback prodotto

Durante il TOR, hai usato le Zinal di HOKA. Quale feedback ci dai su una distanza come questa?

“Il modello è stato una sorpresa, pensavo fosse la scarpa che mancava nella gamma HOKA per le skyrace e in effetti è ottima per questa disciplina. Ma, dopo averla provata anche sulle lunghe distanze, a partire dalla Marathon du Mont Blanc da 90 km, ho deciso di azzardare anche al TOR e mi sono trovato molto bene. È reattiva mantenendo inalterata l’ammortizzazione e mi offre più stabilità e sensibilità, caratteristiche utili per terreni come le Alpi. Per cambiare la posizione e l’assetto del piede ed evitare vesciche causate dall’utilizzo di una sola scarpa, l’ho alternata alla Mafate Evo, che è proprio la scarpa ideale per il TOR”. Franco Collè, trail runner.

INFO: Artcrafts International – 055.68189 – hokaoneone@artcrafts.it