In questo articolo si parla di:

Nitro Distribution è orgogliosa di essere da oggi il distributore ufficiale per l’Italia di del brand tecnico Beachbody in rapidissima espansione nell’universo fitness, la categoria in più veloce crescita nella sporting industry internazionale. Con una dimensione del mercato prevista superiore ai 231 miliardi di dollari entro il 2024, è proprio in questo settore che il brand di prodotti tecnici pensati e progettati per aiutare le persone a migliorare la propria condizione psico fisica e vivere una vita sana ed appagante ha trovato il suo segmento.

“L’obiettivo è che, tra tre anni, quando un cliente entrerà in un negozio in qualsiasi paese del mondo e chiederà quali sono i cinque migliori brand di fitness, la risposta comprenderà anche Beachbody”. Parla così Killick Datta, presidente e amministratore delegato di Global Brand Partners Pte. Ltd., licenziatario globale delle calzature e dell’abbigliamento di Beachbody.

Lui che è stato anche ex direttore Nike, ex vicepresidente LA Gear, ex presidente Wolverine Worldwide, di Brooks Sports, di Skechers, ex ceo di GBMI, conosce il mercato dell’abbigliamento e del footwear sportivo come nessuno e oggi ha intrapreso una nuova avventura che da quest’anno sbarcherà in Italia grazie alla collaborazione con Nitro Distribution.

“Avevamo bisogno di uscire dal concetto di stagionalità e approcciarci al mondo dello sport 365 giorni l’anno”, dice il dirigente Edoardo Sgarbossa “e con Beachbody siamo sicuri di poter completare la nostra offerta con prodotti di altissima qualità e dall’animo responsabile sia dal punto di vista ambientale che sociale”.

Beachbody nasce nel 1998 in California come fornitore leader di corsi fitness, nutrizione e integrazione e con la missione di aiutare le persone a raggiungere i propri obiettivi di vita sana e soddisfacente. Per il primo trimestre del 2022 la società prevede un fatturato totale che va da 170 a 180 milioni di dollari e una perdita EBITDA rettificata di 20-25 milioni di dollari. L’idea di creare una linea di apparel e footwear è arrivata a cavallo tra il 2017 e il 2018 grazie proprio alla scintilla di Killick Datta che ci ha raccontato la storia in prima persona.

“Quando ho conosciuto Beachbody, piattaforma online di allenamento con base a Los Angeles, ho visto che non avevano una loro linea di abbigliamento. Erano presenti in tutte le palestre. La maggior parte dei workout erano prodotti dal brand stesso e avevano anche una linea dedicata di nutrizione e integrazione, ma mancava qualcosa che potesse completare l’offerta. Per questo mi sono proposto per creare una linea di abbigliamento e calzature per
loro. Il ceo di Beachbody pensava scherzassi e senza darci troppo peso mi hanno detto: ‘Bene, fallo tu!’. E così è iniziata l’avventura, con la prima collezione lanciata nel 2019”

Sembra davvero un’occasione fortuita!
“Sono nato in India e nella mia tradizione credere al karma e al fato è normale. Sono convinto che tutto succeda per un motivo. Ho studiato chimica e biologia in Inghilterra e non avrei mai pensato di lavorare in questo settore. Ho sempre amato lo sport e ne ho praticato parecchio, soprattutto calcio. Avevo il sogno di diventare il primo giocatore indiano della premier league inglese, poi ci ho provato con il ping pong ma sono contento che alla fine sia stata un’altra la mia strada. Ho avuto la fortuna di “inciampare” nel fondatore di Nike nella mia Business school. Era il 1979 e il brand di sportswear era veramente molto piccolo rispetto ai competitor di allora”.

Un’altra coincidenza?
“Lo Swoosh è stata la mia scuola e ha rappresentato il mio primo vero lavoro, mi ha insegnato il senso della sfida, l’idea di confrontarmi con le big del settore. La mia storia è costellata di incontri fortuiti e ho la consapevolezza di essermi sempre trovata nel posto giusto al momento giusto. Serve spesso anche fortuna e sono consapevole di averne avuta molta, soprattutto nel fatto di essere sempre stato circondato da team incredibili e veramente validi.

Quella con Beachbody è la tua prima esperienza da “produttore per altri”?
“No, mi ero occupato di tutto il settore footwear per Diesel. Tutti mi dicevano che un brand che vende abbigliamento non potesse trattare anche scarpe, ma era la mia prima avventura come licenziatario indipendente e non ho mai smesso di crederci, andando contro ai consigli. Ed è andata molto bene. Nel 2016 ho creato la Global Brand Partners (GBP) per progettare, sviluppare e commercializzare abbigliamento, calzature e accessori Beachbody per la distribuzione a livello globale”.

Cosa porti con te in Beachbody della tua esperienza nel settore?
“Nel tempo ho realizzato che il prodotto è le chiave. Oggi va tutto molto velocemente, la vera differenza tra successo e fallimento sta nella qualità di ciò che fai. Quello che porto con me è una conoscenza approfondita del mercato di riferimento e delle persone che vi lavorano. So esattamente chi chiamare per un determinato lavoro o ruolo e sono sicuro di riuscire a creare sempre ottimi team. Ho inoltre sviluppato una buona capacità di strategia. Arrivate in un momento storico in cui il mercato del fitness è davvero molto competitivo e vi troverete a confrontarvi con brand già affermati”.

Quale credi che sarà la diversità di BeachBody? Qual è il suo potere?
“Gli altri marchi sono spesso delle compagnie multisport, mentre io credo molto nella specializzazione e Beachbody sarà totalmente dedicata al fitness. Ci abbiamo messo un anno e mezzo solo a sviluppare un reggiseno che fosse perfetto per i diversi workout. Abbiamo speso molto tempo per creare il miglior fitting e penso che questo faccia la differenza per performare al meglio. Il consumatore sta cercando delle soluzioni responsabili, capaci di guardare all’ambiente senza perdere di qualità. Non voglio dire che siamo meglio degli altri, ma stiamo cercando di curare fin dall’inizio ogni sfumatura di questo aspetto, dal packaging a tutta la linea di produzione. Ma anche dal punto di vista sociale, ogni fabbrica con cui collaboriamo deve essere certificata per il miglior trattamento dei dipendenti”.

Qual è l’aspetto che vi ha convinti a entrare nel mercato italiano?
“Ho sempre pensato che per quanto riguarda il fashion sportswear, i Paesi chiave in Europa sono Germania e Italia, luoghi dove ci sono i maggiori brand che si occupano di questo settore e fanno tendenza. So che quello italiano non è un mercato facile, ma il vostro è un Paese davvero appassionato di sport e per questo lo ritengo uno sbocco fondamentale”.

Com’è nata la collaborazione con Nitro Distribution?
“Ho cominciato a parlare con Nitro Distribution durante il periodo del Covid, il contatto è nato grazie al mio caro amico ed ex collaboratore Enrico e, da settembre dello scorso anno, abbiamo capito di essere pronti per iniziare un’avventura insieme. Nitro ha già altri brand molto cool, niente che riguardi il fitness ma questo non mi preoccupa, anzi. Penso che questa collaborazione sarà un successo per entrambi. Si tratta di un team piccolo, motivato e dalla forte passione: stiamo costruendo insieme la strategia di distribuzione. Loro conoscono il mercato italiano e sono sul campo, noi siamo convinti di offrire un prodotto veramente eccezionale”.