In questo articolo si parla di:

Analisi dettagliata della nostra inchiesta esclusiva sull’andamento del mercato running 2021. Nonostante i problemi di consegna da parte dei brand per i ritardi produttivi o per difficoltà logistiche e di trasporto legate alla Cina o altri Paesi asiatici, il quadro risulta positivo. HOKA ONE ONE, anche quest’anno, è sul primo gradino del podio come brand rivelazione

All’inizio di questo nuovo anno – come da tradizione – è tornata “La Carica dei 101”, uno dei contenuti più attesi da tutti i nostri lettori. Diventata ormai marchio di fabbrica di Sport Press, la nostra inchiesta esclusiva ospita ben 101 interviste a una selezione di retailer italiani, anello fondamentale della filiera distributiva. Sul piatto, come sempre, oltre alle amate (e temute) classifiche dei brand più venduti, tanti temi “caldi” e interessanti. Come il bilancio dell’annata appena conclusa e le prospettive per quella in arrivo. Importanti spunti di riflessione per tutti gli operatori del settore.

In queste pagine riportiamo quanto emerso da una nostra analisi e rielaborazione dei dati. Frutto, appunto, delle 101 interviste a una selezione di negozi running presenti sul territorio italiano, nello specifico:

  • 64 del nord Italia
  • 25 del centro
  • 12 del sud e isole

Vi ricordiamo che le singole risposte sono invece visionabili sui numeri 2 e 3 di Running Magazine pubblicati nel 2022.

Nel 2021 qual è stato l’andamento delle vendite dei negozi running?

Ai 101 negozi intervistati abbiamo chiesto un bilancio a tutto campo dell’anno passato. Il quadro emerso è decisamente positivo: 81 hanno dichiarato di aver chiuso l’anno in crescita, 15 stabile e solo 5 in calo. Le vendite, cresciute per la quasi totalità degli intervistati, sono state trainate da una nuova platea di clienti piuttosto variegata: un pubblico composto da camminatori, ma anche da runner tradizionali che hanno iniziato a praticare con una certa continuità la corsa off road, contribuendo a far crescere ancora di più il segmento trail running. Tendenza che avevamo già registrato nel corso del 2020 e che ha trovato piena conferma anche nel 2021 (il secondo anno di pandemia). Tanti anche i giovani che si sono avvicinati al mondo della corsa e dell’atletica leggera spinti da un probabile «effetto olimpico» legato alle grandi imprese degli atleti azzurri nella magica estate di Tokyo. In aumento anche la clientela femminile.

Qual è la percentuale di crescita o calo tra i 65 negozianti che l’hanno indicata?

Quale percentuale di negozi running hanno un e-commerce o usufruiscono di piattaforme terze?

Dei 101 negozi intervistati: il 58,4% ha un e-commerce o usufruisce di piattaforme terze, il 41,6% non possiede ancora un canale di vendita digitale.

In che percentuale le vendite online incidono sul totale del fatturato?

Anche se le vendite online continuano a crescere in percentuale, gli acquisti in store rimangono comunque insostituibili.

In che percentuale i prodotti non vi sono mai stati consegnati?

Per «tamponare» il problema delle mancate consegne, i negozianti hanno venduto i prodotti dei marchi di cui avevano un minimo di magazzino, orientando i clienti sugli articoli disponibili. La questione più grossa è stata l’impossibilità di riassortire le misure esaurite.

Qual è stata la categoria più interessata dai ritardi?

Qual è stato il ritardo medio delle consegne?

Qual è stata la perdita di fatturato legata alla ritardata o mancata consegna?

 

Il 2022 sarà un anno difficile da affrontare per il poco prodotto disponibile sul mercato globale e per i rincari che lo riguarderanno a causa dell’aumento del costo delle materie prime. Sarà l’anno in cui verranno premiate strategie e scelte (ben) fatte. Un bel banco di prova per misurare la consistenza e il valore di alcune partnership commerciali.

Nel 2021 qual è stato il brand rivelazione secondo i negozi running?

Nel corso della nostra inchiesta abbiamo chiesto ai negozianti di indicarci il brand rivelazione del 2021. HOKA ONE ONE, anche quest’anno, si conferma sul primo gradino del podio.