In questo articolo si parla di:

Nella giornata di lunedì 12 settembre, presso la sede di Linea Rosa, a Ravenna, è stata presentata la seconda edizione di Pink RAnning, un evento – in programma domenica 2 ottobre – che richiamerà sportivi allenati, camminatori e camminatrici, rappresentanti delle associazioni locali, amici e amiche, oltre a tutti i cittadini desiderosi di lanciare un messaggio forte a favore della parità di genere.

Un appuntamento che si rinnova dopo il grande successo della scorsa edizione, quando sport e diritti furono capaci di unire un’interà città grazie all’organizzazione di Ravenna Runners Club, associazione nota per la Hoka Maratona di Ravenna Città d’Arte. Ma anche grazie alla collaborazione di Linea Rosa, il centro antiviolenza al quale sarà devoluto il ricavato della manifestazione, nato il 2 dicembre 1991 dalla volontà di un gruppo di volontarie determinate a combattere la violenza contro le donne. Linea Rosa è oggi il centro antiviolenza di riferimento a Ravenna e nel territorio romagnolo, con due sedi distaccate a Russi e Cervia.

Lo start è previsto per le ore 09.15 di domenica 2 ottobre dall’area antistante la sede dell’Autorità Portuale di Ravenna per due percorsi ai quali iscriversi preventivamente online, su maratonadiravenna.com, entro il 25 settembre: 5 km oppure 10 km che si snoderanno nell’area circostante, in particolare tra la Darsena di Città e il Parco Teodorico, due luoghi bellissimi che richiamano normalmente runner e camminatori/camminatrici. Due location accomunate da un unico obiettivo, quello di esserci per dare un contributo concreto in un periodo nel quale i femminicidi e le violenze sulle donne, fisiche e psichiche, sono purtroppo all’ordine del giorno e raccontate quotidianamente dai mass media nazionali e internazionali. Una corsa per i più allenati e le più allenate, che potrà essere anche una semplice passeggiata in compagnia per chi non si sente atleta, senza per questo mancare ad un evento che riveste un significato molto profondo.

“È un piacere organizzare per la seconda edizione un evento con un significato così forte e importante come la violenza sulle donne”, ha commentato Stefano Righini, presidente di Ravenna Runners Club, nel corso della presentazione. “Ci aspettiamo nuovamente un coinvolgimento e partecipazione ancora più numerosa rispetto allo scorso anno, edizione che già alla sua prima edizione ha portato risultati davvero soddisfacenti. Siamo felici della collaborazione nata con Linea Rosa e con tutta la sua rete associativa, una collaborazione che sono convinto continuerà anche in futuro perché le discriminazioni, la violenza e i diritti sono temi sui quali vale la pena spendersi sempre. Ringrazio anche l’amministrazione comunale per aver colto immediatamente l’importanza di questa iniziativa e per il consueto sostegno che ci garantisce”.

Gli hanno fatto eco le parole di Alessandra Bagnara, presidente di Linea Rosa: “Per noi è importante riuscire ad arrivare alle donne con quanti più strumenti comunicativi possibile e manifestazioni come la Pink RAnning sono fondamentali per raggiungere un ampio numero di persone. La violenza di genere infatti è trasversale, non ha estrazione sociale e non fa distinzione di età. Inoltre, attività inclusive come questa ci permettono di sensibilizzare al tema anche il pubblico maschile, perché la nostra è una battaglia che possiamo vincere solo insieme. E non dimentichiamo l’aspetto solidale dell’iniziativa: la scorsa edizione sono state raccolte oltre 5.000 euro, che abbiamo impiegato nel biennio 2021-22 per sostenere attività ludico sportive di più di 16 bambini/e, figli/e di donne ospiti delle case rifugio gestite dall’associazione o in percorso di accoglienza al centro antiviolenza. Con il ricavato di quest’anno continueremo a finanziare questo tipo di progetti, nella consapevolezza che gioco, sport e svago sono fondamentali per il benessere psicologico di chi è in difficoltà, soprattutto per i più giovani e le più giovani”.

Alla conferenza stampa di presentazione di Pink RAnning hanno portato il saluto dell’amministrazione comunale anche Michele De Pascale, sindaco di Ravenna, e Federica Moschini, assessora alle Politiche e Cultura di Genere.

La manifestazione contro la violenza di genere non poteva che coincidere con la “Giornata internazionale della nonviolenza”, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2007, in onore del Mahatma Gandhi nato proprio in questa data nel 1869.

Pink RAnning rientra inoltre nel programma degli Italian Port Days 2022, una serie di eventi, visite ed attività volte ad avvicinare le comunità alla vita e cultura portuale, quest’anno dedicati al tema dei minori e dei giovani.

Nel corso dell’appuntamento un ringraziamento è andato a tutti coloro che hanno sostenuto sin dall’inizio la Pink RAnning, dal Comune di Ravenna alla Regione Emilia-Romagna, dall’Autorità di sistema Portuale di Ravenna fino ai main sponsor Destauto e De Stefani Spa, Famila e ancora Axon, Banca Generali Private, Respecta, Consar, Gala Cosmetici, Lions Ravenna Padusa, La BCC Ravennate Forlivese e Imolese. Da non dimenticare i media partner Radio Bruno e Publimedia, oltre ai partner Singita, Soul Club, Fisiocrem, Aquilea, Idrogas, GBM Impianti per lavanderie e Iconika. Un ringraziamento, infine, a collaboratori e volontari, dalla Podistica Alfonsine alla Fiab e ancora Advs e Avis Ravenna.