In questo articolo si parla di:

Continua l’impegno di CityLife in ambito sostenibilità con il film documentario in programma il 22 aprile (ore 21:00) Un Paese ci vuole. Zavattini, Luzzara e il Po di Francesco Conversano e Nene Grignaffini. I registi saranno presenti a fine proiezione per dialogare con il pubblico in sala.

Il docu-film intreccia il racconto poetico di Cesare Zavattini, padre del neorealismo italiano, attraverso la narrazione del Fiume Po con quello del suo Paese (Luzzara) visitata da fotografi di tutto il mondo: Paul Strand, Gianni Berengo Gardin, Stephen Shore, David Maialetti.

“Un Paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via.
Un Paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra, c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti”,
Cesare Pavese

La trama

Al centro della storia c’è la questione ambientale legata al riscaldamento globale e il Po è il focus principale. Il film è una lettura di poesie di Cesare Zavattini – scrittore, poeta, drammaturgo, regista e padre del neorealismo italiano dedicate al suo Paese natale Luzzara e al Fiume Po.

E, grazie alle voci di alcuni abitanti, le sue parole e il mondo di Zavattini rivivono insieme alla “mitologia” nata intorno a Luzzara, divenuto “Il Paese“, una sorta di paradigma, dopo che 70 anni dopo (nel 1953) il newyorkese Paul Strand lo fotografò insieme alla sua comunità lungo le rive del Fiume Po.

Oggi il Paese di Luzzara continua a essere visitato e raccontato da fotografi provenienti da tutto il mondo: Gianni Berengo Gardin, Stephen Shore, David Maialetti.

Un paese ci vuole. Zavattini, Luzzara e il Po, da una parte racconta la necessità di riscoprire il valore della comunità, dello stare insieme e della condivisione. Mentre dall’altra è la testimonianza di un’emergenza ambientale, delle ferite e della fragilità del Fiume Po che il riscaldamento globale e la siccità stanno trasformando. Rendendolo un luogo deserto e senza vita.

Da qui la necessità di tutti di contrastare l’irreversibilità del suo futuro, prendendocene amorevolmente cura prima che sia troppo tardi.

Per i nostri appassionati lettori c’è la possibilità di comprare i biglietti a una tariffa ridotta (6,50 euro) attraverso il codice: GREEN.