In questo articolo si parla di:

Craft Sportswear e il marchio di pneumatici da bici Vittoria, si sono uniti per realizzare un battistrada per scarpe da running ispirato all’eccellenza dei copertoni da gravel Terreno Mix e Terreno Dry di Vittoria.

Questa partnership nasce da una consapevolezza condivisa dalle due realtà legata al concetto di gravel: sia i runner che i ciclisti stanno evolvendosi in moderni esploratori della natura e cercano modi sempre nuovi di godersi l’ambiente incontaminato, cercando costantemente percorsi alternativi all’asfalto, sia in bici che a piedi.

Il battistrada

Il disegno del battistrada integra la tassellatura a freccia del Terreno Mix – aggressiva per massimizzare la prestazione off-road – con l’incisione a squame del Terreno Dry che garantisce grip superiore su strada e in condizioni di bagnato. Grazie a scanalature di vario spessore che ottimizzano la trazione e sagomature strategiche che riducono il peso, questo prodotto offre al runner più esigente una performance superiore in diversi terreni e condizioni.

Il primo prodotto di questa collaborazione, la Craft Explor, sarà lanciato nella primavera/estate del 2024: una rivoluzionaria fusione tra la tecnologia del ciclismo e l’innovazione nel running.

Sarà già possibile testare le qualità del nuovo modello partecipando alla Vittoria Park Relay Run, una staffetta a 15 squadre e tre runner per squadra, che il prossimo 26 marzo si sfideranno su cinque tipi di terreni diversi (in collaborazione con Wild Tee).

Le dichiarazioni

Daniel Högling, creative director di Craft, esprime la rilevanza della collaborazione affermando: “Il nostro obiettivo è offrire ai runner le migliori scarpe al mondo per questo la partnership con Vittoria, il produttore leader di pneumatici tecnici da bicicletta, è davvero eccezionale”,

Ken Avery, SVP product development di Vittoria aggiunge: “Con una perfetta integrazione nel trail running del nostro expertise nel gravel cycling abbiamo creato un battistrada unico che offre un grip senza precedenti su diverse superfici e nelle mutevoli condizioni meteo”.