In questo articolo si parla di:

Tra strade bianche, cipressi, colline, castelli e poderi e il fascino delle vigne nei colori autunnali, al 18 al 20 ottobre si correrà la diciasettesima edizione dell’EcoMaratona del Chianti Classico.

Le gare

Venerdsì 18 ottobre prenderà vita la staffetta 3 x 1.500m che accenderà il centro storico di Castelnuovo Berardenga. Domenica 20 ottobre il via delle gare, EcoMaratona del Chianti Classico 42Km, EcoMaratonina del Chianti Classico 21Km e Tra il bosco e le vigne del Chianti 13Km

L’allenamento con Fulvio Massini e le walking

Sabato mattina test gara e briefing coordinato da Fulvio Massini, un allenamento pensato per sperimentare brevi tratti del percorso a cui seguirà Pasta Party e convegno tecnico nel pomeriggio. Alle 10.00 pronti ad un bagno di dolci coccole per la EcoPasseggiata a 6 zampe Chianti Classico e, a chiudere, domenica 20 ottobre le Passeggiate 6, 13 e 19 km, non competitive, adatte a tutti, senza obbligo di tesseramento e certificato medico agonistico.

I percorsi

Nuovi i passaggi all’interno delle aziende più prestigiose del Chianti Classico, Poggio Bonelli, Castelli in Villa, Castello di Bossi, San Felice, Castello di Brolio, Villa a Sesta, Abbadia Monastero, Tenuta di Arceno, dove si attraverserà l’iconico viale dei cipressi, e Fèlsina.

Dopo la partenza, si affrontano 4,0 km su un facile asfalto, lungo il quale ammirare il panorama che da un lato si apre sulle caratteristiche colline del Chianti e dall’altro lato sulle dolci Crete Senesi. E’ questo il punto più basso, 220 m s.l.m. dove è posto il primo ristoro situato in prossimità dell’agriturismo Poggio Bonelli dal quale si affrontano a seguire 2 km di salita su strada bianca per raggiungere quota 350 m s.l.m.

Il percorso prosegue con un mix di strada bianca alternata a strada di campo ed un’altimetria facile fino alla biforcazione al km 7,7 a 341 m s.l.m. dove gli atleti della EcoMaratonina del Chianti Classico 21Km e Tra il bosco e le vigne del Chianti 13Km si distaccheranno. Ancora poche centinaia di metri prima di incontrare il ristoro del km 8.5 al frantoio di Montecucco, dal quale inizia una discesa che porta al km 11 a 230 m s.l.m. e che permetterà di ammirare le suggestive Crete Senesi.

La strada cambia e diventa prima campo e poi un single track in mezzo al bosco prima di incontrare la cantina del Castello di Bossi situata al km 13 a quota 324 m s.l.m. Un breve tratto di asfalto conduce alle vigne di San Felice e al Vitarium, il pergolato in prossimità del km 15,5 dal quale inizia una leggera discesa su una strada di bosco fino al km 16,75 a 280 m s.l.m. Inizia qui una salita su strada bianca che porta ad ammirare il leccio immortalato nelle scene del film “Io ballo da sola” di Bernardo Bertolucci, dove è allestito un ristoro e sullo sfondo sarà visibile un panorama straordinario.

Da qui il percorso entra nei territori del Castello di Brolio che si incontrerà al km 21,5 (435 m s.l.m.) e dove si trova il Casale Podernovi, tra colline dipinte dalle vigne con i colori autunnali che condurranno al km 24 (390 m s.l.m.) all’azienda San Felice dove sarà ubicato un ristoro. Inizia la discesa su strada bianca fino al km 25,6 (290 m s.l.m.) alla quale segue una breve ma impegnativa salita in cima alla quale sarà presente il ristoro e la Villa di Pagliaia.

Si affronta poi la discesa su strada di vigna fino al km 27,4 che si immette sul viale cipressato che conduce all’azienda Castelli in Villa dopo aver affrontato una salita breve ma impegnativa. La strada spiana e diventa bianca in direzione del frantoio Montecucco (km 29,7) dove è posto il ristoro per sentire i profumi dell’olio nuovo appena franto e degustare delle ottime bruschette. Pianura e discesa portano a  fondo valle a 320 m di quota, a seguire una brevissima salita di circa 400 metri al 15% che porterà in direzione di Arceno al km 31.8, qui sarà posto un altro bivio per separare gli atleti di Tra il bosco e le vigne del Chianti 13Km e della EcoPasseggiata. Si costeggia la vigna con le tipiche onde della Tenuta di Arceno a 350 m s.l.m. per poi proseguire su strada bianca in leggera salita per circa 3 km attraverso lecci secolari fino ad entrare nel viale dei cipressi, dove alla fine della salita è posto un ristoro (km 35,8 km, 450 m s.l.m.).

Da Villa Arceno si prosegue su strada bianca in discesa per 2 km fino a 290 m s.l.m. per raggiungere il km 39 dal quale affrontare una impegnativa salita in cima alla quale è posto il ristoro del Casale di Rancia. Da qui si scorge Castelnuovo Berardenga, si prosegue in un tratto pianeggiante e di discesa sino ad arrivare al viale cipressato dell’azienda di Felsina e in modo inaspettato si giunge al traguardo in piazza Marconi.

Info e iscrizioni a questo link