In questo articolo si parla di:

Per la prima volta dopo la pandemia, Mizuno ha organizzato nella propria sede di Osaka, in occasione della 34esima edizione della maratona, una presentazione internazionale per 80 media di vari Paesi da tutto il mondo. Tra i quali non poteva mancare anche Running Magazine

di Benedetto Sironi

I l rosa dei fiori di ciliegio sullo sfondo grigio dei grattaceli. Gli incessanti rumori nel brulicare delle strade affollate e il religioso silenzio nei giardini zen di templi centenari. Vestiti e sneakers futuristiche a fianco dei kimono tradizionali che sfilano colorati tra i vicoli di Kyoto.

L’indissolubile legame per la tradizione unito a una forte spinta per l’innovazione. Nel nostro viaggio tra Osaka e Kyoto in compagnia di Mizuno abbiamo avuto conferma di quanto il Giappone sia luogo sempre evocativo e suadente, nonché terra di contrasti e di compromessi.

Come quello tra tecnologia ed estetica, che si declina in un preciso concetto: sense of Japan, ossia il gusto del bello giapponese. Valore che più di una volta è stato citato dai manager di Mizuno per illustrare le recenti novità di prodotto e, più in generale, la filosofia che contraddistingue un marchio con quasi 120 anni di storia. Fu fondato nel 1906 proprio a Osaka ed è proprio nella seconda città più importante del Giappone (che ospiterà peraltro anche l’Expo 2025) che sorge ancora oggi la sede mondiale del brand.

Un alto grattacielo con all’interno anche un museo storico con molti modelli di scarpe (e non solo) celebri e iconiche. Indossate negli anni da alcuni dei più noti e vincenti atleti in svariate discipline sportive. Se la tradizione e l’heritage sono un bagaglio ormai acquisito e incancellabile di Mizuno, la capacità di innovare e rinnovare sempre i propri prodotti non è mai scontata anche per le aziende più blasonate. E va sempre alimentata in modo corretto, per fare in modo che il motore non “perda giri”.

Ecco perché con la giusta dose di orgoglio e soddisfazione, l’azienda ha aperto per la prima volta le porte del suo nuovo Mizuno Engine (di cui vi parliamo in modo approfondito nelle prossime pagine). Un ampio e moderno Innovation Center, inaugurato lo scorso novembre, che sorge proprio accanto alla sede storica.

Cornice ideale per presentare una delle novità più attese e apprezzate in casa Mizuno: la nuova e velocissima Wave Rebellion Pro, di cui potete leggere un focus dettagliato nelle pagine centrali del magazine. L’idea di questo modello nasce dalla forma della scarpa da pista, a cui sono state applicate le ultime innovazioni del brand: il compound Mizuno Enerzy combinata a una piastra in carbonio rinforzata.

Una scarpa per runner pro che vogliono battere i propri record sulle lunghe distanze. Così è stato per alcuni degli atleti e ospiti di Mizuno che si sono ritrovati da tutto il mondo per correre la maratona di Osaka, tra cui per l’Italia anche Massi Milani, content creator nel settore running, noto per essere arrivato primo italiano alla maratona di New York nel 2019 e per altre notevoli prestazioni, considerando peraltro che è un classe 1972.

L’Osaka Marathon, svoltasi lo scorso 26 febbraio e di cui Mizuno è storico sponsor, è uno degli eventi più partecipati in Giappone e nel mondo e quest’anno ha coinvolto 35.000 runner. Con partenza dalla bellissima location del parco nel quale sorge il castello di Osaka. La manifestazione ci ha dato conferma che in questo Paese la corsa è una disciplina presa molto seriamente (numerosi i finisher sotto le 2h 10’), ma è altresì una grande festa, un divertimento condiviso, con numerosi runner che affrontano la gara con travestimenti originali. E un’attività che coinvolge persone di ogni età e tipologia. Non è un caso che la filosofia che da decenni anche Mizuno punta a diffondere sia quella di promuovere uno stile di vita sano e attivo integrando lo sport come componente essenziale delle attività quotidiane.

Mizuno Japan Tour

Le dichiarazioni del Team Mizuno Italia

Andrea Leo, marketing manager

“Andare in Giappone non è solo un viaggio ma una incredibile esperienza. La cultura giapponese è integrata nel dna Mizuno attraverso il binomio tradizione e innovazione. Questa avventura ci ha permesso di entrare in simbiosi con il “Japan Spirit”: qualità, valori premium, alta tecnologia, reputazione, passione e dedizione. Fattori integranti del principio Giapponese “Kaizen”, che rappresenta il miglioramento continuo. La massima espressione del concetto “Reach Beyond” è racchiusa nel progetto Mizuno Engine. Un vero e proprio acceleratore tecnologico dove prototipare e testare le innovazioni. Tutti elementi utili allo sviluppo di prodotti che consentano di raggiungere il massimo benessere negli sportivi di tutti i livelli per ottenere le massime performance”.

Raffaele Giordano, digital marketing

“Il viaggio a Osaka ha rappresentato un’occasione irripetibile per far conoscere da vicino il dna di Mizuno attraverso la voce del nostro running tester e atleta Massimiliano Milani. Con Massi abbiamo strutturato un piano di comunicazione che avesse l’obiettivo di raccontare alla sua fan base, in maniera coinvolgente, il viaggio in Giappone: la visita al Mizuno Engine, il pre e post maratona, la visita al Flagship Store e le recensioni tecniche su Rebellion Pro. Il risultato è stato entusiasmante: una crescita costante del suo canale YouTube (+18% ore visualizzate, +27% views) e dei suoi social media (+100K video reach) e – non meno importante – uno tra i migliori risultati in maratona della sua carriera, diventando il secondo miglior atleta del Team Mizuno ad aver corso la Maratona di Osaka”.

Carlo Donadoni, marketing coordinator running EMEA

“Gli appassionati di running che scelgono le scarpe Mizuno lo fanno perché ne apprezzano la qualità costruttiva e le caratteristiche dei materiali. Questi risultati non sarebbero possibili senza mettere le persone che lavorano alla ricerca e sviluppo nelle condizioni di trasformare le loro intuizioni in prototipi prima e prodotti poi. In questo senso, avere visitato il nuovo Mizuno Engine e visto all’opera i colleghi che ci lavorano ogni giorno ci rassicura sul fatto che il futuro del nostro brand sarà ancora lungo e caratterizzato da una proposta sempre avanzata in termini di innovazione dei materiali e qualità di esecuzione: due cose che rendono un’ottima scarpa da running tale e che consentono alla corsa di essere un’attività appagante e sana”.

Massi Milani, running tester

“La maratona di Osaka mi ha mostrato quanto conti la disciplina e l’organizzazione per la cultura giapponese. Ho visto tantissimi podisti correre davvero forte, ma anche rispettare l’ambiente e l’avversario. Nelle mie due ore e mezza di corsa ho ammirato tutti gli atleti che correvano più velocemente e lentamente di me. Basterebbe poco per rendere qualunque evento migliore, noi europei abbiamo davvero tanto da imparare. La mia esperienza personale è stata esaltata dall’utilizzo di una scarpa tecnologicamente superiore che ha reso la gara ancora più emozionante”.