In questo articolo si parla di:

Nonostante la pandemia, l’anno scorso Brooks ha tagliato il traguardo del miliardo di dollari di fatturato globale, con una crescita record del 25% in EMEA. Una delle ragioni del suo successo è senza dubbio il focus sulla corsa e sui runner. Ne abbiamo parlato con Matthew Dodge, vp, managing director of Brooks International

Nel 2021 Brooks ha segnato un nuovo record, chiudendo l’anno con un fatturato globale superiore a 1,11 miliardi di dollari e una crescita totale del 31% rispetto all’anno precedente. Nel territorio EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) l’aumento di fatturato è stato del 25%: oltre il 20% solo in DACH (Germania, Austria e Svizzera), Francia, Italia, Benelux (Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo) e Spagna. In particolare, la performance complessiva del brand è stata influenzata dalle prestazioni dei mercati dell’Europa meridionale: la Francia ha registrato infatti un +43% (anche grazie al maggior interesse verso il trail running), l’Italia e la Spagna invece un +28%. Crescita che ha coinvolto tutti i canali di distribuzione, dai negozi specializzati a quelli di articoli sportivi in generale, fino allo store digitale brooksrunning.eu.

Tra i modelli presentati nel 2021, la Ghost è stata sicuramente quella più apprezzata da parte dei runner, con un +21%. La 14, con la sua combinazione di materiali riciclati e compensazioni di carbonio, è, inoltre, il primo modello green di Brooks. Significativa anche la crescita dell’apparel (+35%). Merito del successo della nuova collezione Run Visible, che consente ai runner di rimanere visibili anche nelle ore notturne.

Ne abbiamo parlato con Matthew Dodge, managing director Brooks International.

Un 2021 chiuso con un +25%, dopo due anni così difficili, è sicuramente una crescita importante. Tra le strategie che avete messo in atto, quali sono stati gli elementi determinanti di questo successo?
Per noi di Brooks il runner è al centro di tutto quello che facciamo. Ogni giorno cerchiamo di rispondere e assecondare tutte le necessità dei nostri runner. La nostra mission è quella di ispirare e motivare le persone a uno stile di vita attivo e a correre il proprio percorso che li porterà verso una versione migliore di loro stessi. Per questo ci impegniamo a realizzare i migliori prodotti da running e a creare esperienze uniche. Ciò guida tutto quello che facciamo e ci ha permesso di proporre prodotti adatti ai runner.

A oggi, quali sono in Europa i primi mercati? Quelli con le maggiori potenzialità?
A oggi Germania, Francia e UK sono i mercati con la crescita più alta per quanto riguarda il segmento scarpe e abbigliamento running, anche se crediamo che abbiamo un grande potenziale di crescita in tutta l’Europa occidentale, Italia compresa.

Le problematiche legate alla supply chain come hanno impattato?
Come per tutti, la chiusura delle fabbriche nel sud-est asiatico ha portato un impatto anche per noi. Situazione che abbiamo affrontato focalizzandoci sulla stagione 2022, scegliendo le linee di scarpe da mettere in produzione per ottimizzare i modelli da lanciare sul mercato.

Road e trail: quanto pesano in percentuale ora i due segmenti per Brooks in Europa e quale crescerà di più per voi nel 2022?
Per noi di Brooks sia la corsa su strada che il trail running rappresentano due importanti segmenti all’interno del settore running. Il nostro impegno nel realizzare prodotti e creare esperienze è pensato per supportare le necessità di tutti i runner, indipendentemente dal terreno dove corrono.

In Italia, si sono avvicinati alla corsa molti nuovi utenti, tra cui tanti camminatori. Avete riscontrato questa tendenza anche in altri Paesi europei?
La corsa trasmette tantissimi benefici legati sia alla forma fisica ma anche al benessere mentale e alle opportunità di socialità; tutti elementi che ne incentivano sempre più la partecipazione. Sicuramente molte più persone continueranno ad avere uno stile di vita attivo, poiché la continua ricerca di salute e benessere sta assumendo un’importanza crescente in tutto il mondo.

Matthew Dodge, vp, managing director of Brooks International

L’apparel è cresciuto? La nuova collezione Run Visible piace?
Sì, stiamo registrando un incremento anche nell’abbigliamento. L’anno scorso tale crescita è stata accelerata anche dalla collezione Run Visible che offre ai runner evidenti benefici confermati da studi scientifici. La linea infatti permette ai runner di rimanere visibili anche in situazioni di scarsa visibilità, dando la possibilità di correre a qualsiasi ora del giorno, anche al mattino presto o la sera tardi.

Avete dichiarato recentemente che il successo di Brooks nel 2021 non sarebbe stato possibile senza i suoi oltre 1.100 dipendenti in tutto il mondo che condividono gli stessi obiettivi e valori. Qual è la vostra politica e strategia di valorizzazione delle risorse umane?
Tutti i dipendenti di Brooks contribuiscono a realizzare i prodotti e le esperienze che portano al nostro successo. Diamo grande importante nel creare un ambiente di lavoro forte e dinamico dove tutti possano ottenere il meglio dall’azienda e contribuiscano nel raggiungere gli obiettivi, trasmettere i valori aziendali e mantenere le promesse. Tutto questo viene garantito da una forte condivisione interna delle informazioni, crescita e sviluppo professionale e dal riconoscimento del successo come team.

Nel 2022 vi siete prefissati obiettivi di produzione ancora più responsabili e sostenibili per diminuire l’impatto ambientale?
L’impegno di Brooks verso la sostenibilità è un progetto a lungo termine che pone le proprie basi su un approccio scientifico. I due pilastri principali vedono azioni sul clima e consumo sostenibile. Da un punto di vista delle azioni sul clima l’obiettivo è quello di raggiungere zero emissioni di carbonio entro il 2040. Abbiamo ancora tanta strada da fare ma stiamo facendo passi da gigante. L’anno scorso abbiamo lanciato la nostra prima scarpa carbon neutral: Ghost 14, il nostro modello più venduto al mondo.

Il 2022 sarà l’anno in cui verranno premiate strategie e scelte (ben) fatte. Come lo affronterà Brooks?
Il nostro focus rimarrà quello di realizzare i migliori prodotti ed esperienze running a supporto di tutti i runner.

di Manuela Barbieri