In questo articolo si parla di:
UYN Venicemarathon partenza

L’edizione numero 36 della Venicemarathon segna il ritorno dell’evento in grande stile e con numeri che ci riportano all’entusiasmo e alla partecipazione pre Covid.

Ma la gara è stata molto di più, come abbiamo potuto testimoniare anche noi della redazione Running Magazine che abbiamo partecipato attivamente al programma del weekend organizzato da UYN, title sponsor della manifestazione, iniziando sabato mattina con un warmup guidato dall’ambassador del brand Paolo Venturini e concludendo domenica con l’arrivo a Riva Sette Martiri.

Tornando ai numeri, questa è stata senz’altro l’edizione dei record con 15000 partecipanti presenti alle tre partenze, Stra, Mestre (per la mezza maratona introdotta per la prima volta quest’anno) e Parco San Giuliano.

Ma anche con il primato della gara maschile sulla maratona, messo a segno dall’ugandese Solomon Mutai, che ha tagliato il traguardo in 2h 08’10”, siglando il nuovo record di velocità della Venicemarathon.

VENICEMARATHON SAMMY BASSO

Toccante è stato l’arrivo di Sammy Basso, il 27enne di Tezze sul Brenta (VI), affetto dalla nascita da progeria, che ha percorso l’intera Maratona di Venezia assieme ai ‘Sammy Runners’, una trentina di amici podisti, che a turno lo hanno spinto con una speciale carrozzella a ruota unica – la Joelette – lungo tutto il tracciato. Sammy e i suoi runners hanno impiegato 4h47′. “Questa è stata la mia seconda volta a Venezia e me la sono goduta un pò di più perchè già sapevo quello che mi aspettava e quindi mi preparavo mentalmente alle emozioni. Entrare in Piazza San Marco però è un tuffo al cuore sempre fortissimo. Ringrazio i Sammy Runners per quello che sono riusciti a fare oggi, sono un gruppo straordinario”.

“In 36 edizioni, devo confessare che questa è stata la più spettacolare di sempre, sotto ogni punto di vista: i numeri degli iscritti, il record della gara maschile, il numerosissimo pubblico presente lungo il percorso, le splendide immagini trasmesse dalla Rai in tutto il mondo e la grande scommessa vinta della, la nuova mezza maratona. L’edizione 2022 scrive una nuova ed importante pagina di storia di questa maratona. Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile questo straordinario risultato”. Questa la dichiarazione del  patron di Venicemarathon Piero Rosa Salva.

“Nei prossimi mesi – illustra il coordinatore Lorenzo Cortesi – commissioneremo uno studio ad hoc per calcolare l’effettiva ricaduta economica sul territorio prodotta dagli oltre 4.500 atleti stranieri iscritti e dai moltissimi runner da fuori regione. Sono certo che supereremo i 10 milioni di euro prodotti nelle ultime edizioni. Si torna all’epoca pre-Covid anche a livello di marketing, con le aziende che finalmente sono tornate ad investire nello sport e nel running. Abbiamo avuto al nostro fianco quest’anno brand prestigiosissimi, che hanno creduto e sposato tutti i nostri progetti con entusiasmo e per questo ringrazio la squadra di sponsor e partner che ci hanno permesso di tagliare con successo il traguardo di Riva Sette Martiri”.
Nel campo della solidarietà, il Charity Program ha già raggiunto la straordinaria cifra di 80.000 euro raccolti, ma ci sarà tempo fino alla fine dell’anno per donare e aiutare tutte le associazioni coinvolte.

Diamo i numeri

La 36^ UYN Venicemarathon è stata anche l’edizione numeri.

500 volontari della Protezione Civile Coordinati dalla Città Metropolitana, 10.000 metri di transenne, oltre 2.000 volontari a presidio di incroci e ristori e dislocati nei vari servizi.

Sono state distribuite oltre di 17.000 le maglie UYN, 20.000 magliette realizzate da HOKA per le 4 Alì Family Run. Ristori e pacchi gara: 100.000 bottigliette di Acqua San Benedetto, 30.000 prodotti ProAction, 30.000 lattine di birra Bavaria, 15.000 sacchetti Alì per il ristoro finale, 45.000 biscotti Palmisano, 15.000 banane e 15.000 arance Dole, 20.000 mele Coldiretti Venezia e 45.000  mini scrikki Morato Pane. Per il trasporto delle sacche sono stati impiegati 14 autotreni di Transportservice, 2 moto pontone della ditta Boscolo Bielo Ivano, 14 barche di Brussa Trasporti.