In questo articolo si parla di:

La Venicemarathon dimostra di essere un appuntamento importante per la solidarietà, ne sono prova i numeri del Charity Program che in nove anni ha raccolto oltre 1 milione di euro, ma è soprattutto l’entusiasmo con cui le onlus ogni anno partecipano all’iniziativa e si impegnano a creare squadre di fundraiser, ambasciatori di una buona causa.

Lo scorso anno il Charity Program ha raccolto la cifra record di 120.861 euro e le realtà che hanno maggiormente contribuito a raggiungere questo straordinario risultato sono state il Rotary Distretto 2060 con il progetto ‘End Polio Now’ che ha raccolto 39.309 euro, la Fondazione Banca degli Occhi (visite oculistiche gratis a pazienti con patologie rare) che ha raccolto 25.240 euro e l’Associazione Linfa (analisi biologica completa dei campioni tumorali di paziente affetti da neurofibromatosi) che al suo debutto a Venezia ha raccolto 18.196 euro.

Questi, e molti altri dati, sono stati resi noti di recente dal presidente di Venicemarathon Piero Rosa Salva e dal coordinatore generale Lorenzo Cortesi nel corso di una presentazione online sulla pagina Facebook della Venicemarathon, alla quale hanno partecipato Francesca Gervasoni di Rete del Dono, diverse associazioni no profit e la madrina Giusy Versace.

L’occasione è servita anche per presentare il Charity Program 2024, legato quindi alla 38^ Wizz Air Venicemarathon del prossimo 27 ottobre e che vede già iscritte molte associazioni.
La maggior parte di queste ogni anno rinnovano il loro impegno, mentre entrano per la prima volta a far parte della famiglia Venicemarathon l’associaizone sportiva paralimpica Restart Sport Academy, la Fondazione Italiana Diabete ETS e l’Amatori Atletica Chirignago impegnata a sostenere la battaglia contro la SLA del loro vice presidente Alberto Rusconi.