In questo articolo si parla di:

Una gara destinata a crescere e a evolversi ogni anno di più: la terza edizione della X-Bionic Lake Garda 42 è stata un successo con 4.200 iscritti e una forte presenza femminile nella LG21. Numeri da record anche per la partecipazione dei runner provenienti da altre nazioni, ben 72, affascinati da una delle gare più panoramiche d’Italia.

La maratona LG42

La prova maschile della X-Bionic Lake Garda 42, con partenza da Limone sul Garda e arrivo a Malcesine, ha visto trionfare lo sloveno Michal Puskar con il tempo di 2:48:10, seguito dallo svedese Andreas Hultqvist, staccato di 43 secondi e dall’italiano Alessio Zoller che ha chiuso la gara in 2:51:38.

Nella prova femminile il gradino più alto del podio lo ha conquistato la polacca Karolina Wasniewska, che ha fermato il cronometro sul tempo di 3:12:57. A completare il podio la tedesca Sarah Winter, distanziata dalla vincitrice di 2:31, e l’austriaca Christina Mandlbauer con il tempo di 3:25:42.

La mezza maratona LG21

Il pubblico femminile conferma per il terzo anno consecutivo il proprio attaccamento alla gara: più della metà dei partecipanti alla maratonina LG21 (51%) era composto da donne.

Con partenza da Arco di Trento e sempre sul traguardo di Malcesine, per il secondo anno consecutivo la più veloce si conferma essere la tedesca Philine Meister con il tempo di 1:20:55, seguita con una differenza di 1:18 dalla connazionale Nelly Rassmann e dall’italiana Bianca Campidelli con 1:27.

Tra gli uomini, successo del tedesco Tom Förster con il tempo di 1:11:40; sugli altri due gradini del podio gli italiani Luca Vivaldi (1:15:05) e Diego Bazzoli (1:15:54).

LG Kids

La corsa dedicata ai più piccoli ha visto oltre 100 bambini fino ai 12 anni di età percorrere poco più di un chilometro di sabato 13 aprile presso la Rocca di Riva del Garda, la fortezza che un tempo proteggeva la città.